Kylie Moore-Gilbert, l'accademica trasferita in un carcere "duro" nel deserto iraniano: «Danneggiata la mia salute mentale»

Martedì 28 Luglio 2020
Kylie Moore-Gilbert
Kylie Moore-Gilbert, accademica britannico-australiana detenuta in Iran è stata trasferita in un carcere del deserto nota per le sue pessime condizioni. Kylie Moore-Gilbert, accademica con studi a Cambridge e recentemente docente di Studi islamici all'Università di Melbourne, era precedentemente detenuta presso la prigione di Evin di Teheran, a seguito di una condannata per l'accusa di essere una spia a 10 anni di reclusione.
 
Leggi anche > Scuola, a settembre si riparte con test per docenti e studenti


Kylie Moore-Gilbert ha precedentemente pubblicato lavori sulle rivolte arabe del 2011 e sui governi autoritari e  Il Center for Supporters of Human Rights, come spiega l’independent, ha dichiarato che Moore-Gilbert è stata trasferita nella prigione di Qarchak, citando informazioni di Reza Khandan la cui moglie, l'avvocato per i diritti umani Nasrin Sotoudeh, è ​​imprigionata a Evin. In un post di Facebook, Khandan ha dichiarato che il Kylie è stata spostata per "punizione".

Le lettere  fatte uscire di prigione e pubblicate a gennaio hanno rivelato le paure del docente per la sua salute mentale. La donna britannico-australiana incarcerata "rifiuta l'offerta dell'Iran di lavorare come spia": “Sto prendendo farmaci psichiatrici, ma questi 10 mesi che ho trascorso qui hanno gravemente danneggiato la mia salute mentale. Mi vengono ancora negate le telefonate e le visite e temo che il mio stato mentale ed emotivo possa deteriorarsi ulteriormente se rimango in questo reparto di detenzione estremamente restrittivo".
La Moore-Gilbert sembrava anche suggerire che le fosse stata offerta la possibilità di diventare una spia: “Non sono una spia – ha fatto sapere - Non sono mai stata una spia e non ho alcun interesse a lavorare per un'organizzazione di spionaggio in nessun paese" © RIPRODUZIONE RISERVATA