Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Infermiera no vax muore di Coronavirus. Su Facebook scriveva: «Non fate il vaccino, è un esperimento sociale»

A soli 21 anni, Olivia muore per Coronavirus. Rifiutava il vaccino
A soli 21 anni, Olivia muore per Coronavirus. Rifiutava il vaccino
2 Minuti di Lettura
Martedì 13 Luglio 2021, 12:08 - Ultimo aggiornamento: 14 Luglio, 11:46

Olivia Guidry, un'infermiera no-vax dell'ospedele Ochsner Lafayette General (Louisiana) è morta a soli 21 anni per complicazioni da coronavirus. La morte della ragazza è avvenuta sabato 11 luglio, dopo una serie di giorni in cui era ricoverata nell'unità di terapia intensiva dell'ospedale.

Variante Delta, 4 regioni rischiano il passaggio in zona gialla: allerta per Abruzzo, Campania, Marche e Sicilia

La notizia è stata riportata sui media locali e sui social di amici e colleghi che, rattristati, hanno scritto post consolatori per la ragazza.

La Guidry stava seguendo corsi di medicina alla LSU Eunice e sperava di andare alla scuola di medicina. Secondo quanto riporta un post sui social di sua sorella, Brittany Smith, all’inizio di luglio a Olivia era stato diagnosticato il virus, per cui ha avuto febbre alta e una crisi respiratoria.

Nonostante lavorasse nella sanità e conoscesse la gravità del virus, Olivia credeva che i vaccini in qualche modo alterassero il DNA umano «al livello molecolare» e che fossero «pericolosi» e falsi.

«Siamo un esperimento sociale diretto» scriveva su Twitter ma dopo quel tweet era stato cancellato. E ancora su Fb «Il vaccino? Non farlo. Non è sicuro. Sono l'unica a pensare che stiano cercando di vedere quanto possono controllarci???» scriveva in un post dell'11 luglio 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA