Harry e Meghan, «prove bomba contro la duchessa». Le rivelazioni dell'ex capo della comunicazione

Ora lavora esclusivamente per i Cambridge

Sabato 13 Novembre 2021
Jason Knauf, l'ex capo delle comunicazioni dei Sussex, parla di prove bomba contro la duchessa

Jason Knauf, l'ex capo delle comunicazioni dei Sussex, è stato citato durante la comunicazione da parte della stampa sugli atti di bullismo della duchessa del Sussex nei confronti di ex membri dello staff. Knauf ha giocato un ruolo chiave nelle rivelazioni, lamentandosi del trattamento riservato a tre colleghe che, secondo lui, erano state cacciate dalla duchessa.

 

Se fino a poco tempo fa Knauf era poco noto, adesso è diventato il frontman dell'ultimo episodio del royal drama: la sua testimonianza bomba sul fatto che la duchessa avrebbe collaborato con gli autori della biografia "Finding Freedom" scrivendo deliberatamente quella famigerata lettera a suo padre, sapendo che poteva trapelare.

 

«Ritengo che sia la cosa giusta da fare» ha detto Knauf in una dichiarazione prima del caso della Corte d'appello di questa settimana, che vede The Mail on Sunday fare appello contro una precedente sentenza dell'Alta Corte secondo cui la sua pubblicazione della lettera della duchessa al padre era illegale. Si dice che Knauf si sia "rammaricato" di non aver deposto prima, cambiando idea perché era stato "privato" della possibilità di testimoniare all'Alta Corte a febbraio. Ma questa volta, l'assistente reale, che ora lavora per il Duca e la Duchessa di Cambridge, non si è tirato indietro. 

Allora, chi è il guru delle comunicazioni che rompe i ranghi e come è finito per diventare la spina nel fianco dei suoi ex capi reali? Dai suoi anni in cui ha combattuto gli incendi per il Tesoro e RBS al motivo per cui ha lasciato The Firm alla fine di quest'anno, ecco come Jason Knauf è diventato l'uomo del momento nel dramma reale che circonda Meghan.

Knauf, 37 anni, non era estraneo alla gestione delle crisi quando è entrato a far parte della famiglia reale nel 2015. Il laureato della LSE è originario della Nuova Zelanda e aveva precedentemente lavorato presso il Tesoro e RBS, la banca che era stata salvata in seguito alla crisi finanziaria del 2008 incidente.

Quando è stato celebrato il matrimonio tra il principe Harry e Meghan Markle nel 2018 è diventato segretario alle comunicazioni sia dei Cambridge che degli sposini del Sussex. Si dice che Knauf abbia consigliato alla duchessa di scrivere la lettera a suo padre che era al centro del suo caso di privacy Mail on Sunday, ora di successo . Ed è stato Knauf a denunciare il presunto bullismo al dipartimento delle risorse umane nell'ottobre 2018, secondo il Times.

Knauf non ha mai affermato di essere lui stesso il destinatario di alcun maltrattamento, ma si è lamentato del trattamento di tre colleghe: due assistenti personali che secondo lui erano state cacciate di casa dalla duchessa e un terzo membro dello staff il cui fiducioso sentito era stato indebolito.

In una e-mail ai colleghi, si dice che abbia definito il presunto trattamento "totalmente inaccettabile" e abbia anche espresso preoccupazione per lo stress vissuto da Samantha Cohen, l'allora segretaria privata della coppia. Fonti affermano che Harry ha supplicato Knauf di non perseguire la questione, ma gli avvocati dei Sussex negano che il duca interferirebbe con qualsiasi questione del personale o che abbia avuto luogo qualsiasi incontro. Knauf ha consegnato il suo avviso un mese dopo.

Ora lavora esclusivamente per i Cambridge, come capo della loro Royal Foundation, e si dice che sia stato responsabile di progetti tra cui la supervisione dell'Earthshot Prize del principe William e del lavoro sulla prima infanzia della duchessa di Cambridge. Secondo quanto si apprende, Knauf lascerà il ruolo alla fine di quest'anno grazie a «un pianificato trasferimento internazionale che ha reso necessaria la sua decisione di dimettersi».

«Jason è parte integrante della nostra squadra dal 2015 -, hanno dichiarato il Duca e la Duchessa di Cambridge in una dichiarazione sulla sua partenza -. Siamo immensamente grati per il suo duro lavoro e impegno, sia alla Royal Foundation che in precedenza come nostro segretario alle comunicazioni».

Ultimo aggiornamento: 15:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA