Gran Bretagna, nuovo aumento di contagi: superata quota 50mila

Boris Johnson: «Andiamo avanti col nostro piano, la cosa più importante che le persone possono fare è sottoporsi alla dose booster di vaccino»

Giovedì 21 Ottobre 2021

Continuano ad aumentare i contagi da Covid in Gran Bretagna. Sfondano quota 50.000 (52.009 per l'esattezza) i casi registrati nel Regno Unito nelle ultime 24 ore, record da luglio quando avevano raggiunto anche i 60.000. Lo certificano i dati ufficiali odierni, che confermano invece come complessivamente sotto il livello di guardia il totale dei ricoveri in ospedale (in leggero aumento da 7.900 a 8.100 circa, ma lontani dai picchi di 39.000 dei mesi scorsi) e segnalano una ridiscesa dei morti a quota 115, contro 179 di ieri, grazie all'effetto barriera attribuito al doppio vaccino somministrato finora nel Paese grossomodo all'80% della popolazione. 

 

Leggi anche > Allarme influenza aviaria: focolaio in un allevamento di 13mila tacchini in Veneto

 

«Andiamo avanti col nostro piano» e «la cosa più importante che le persone possono fare è sottoporsi alla dose booster di vaccino». Lo ha detto il premier britannico Boris Johnson in risposta ai diversi appelli da parte delle autorità sanitarie nazionali e del sindacato dei medici che chiedono di passare invece al piano B contro il Covid, introducendo in Inghilterra restrizioni dopo l'impennata di contagi. Johnson non intende varare nessuna restrizione anticovid, malgrado l'aumento dei contagi. In una intervista registrata per le emittenti nordirlandesi, Johnson ha affermato che i contagi sono entro quanto previsto e non c'è dunque alcun bisogno di ricorrere al 'piano B', che prevede obbligo di mascherine, telelavoro e green pass. «Continuiamo con il piano tracciato in luglio. Controlliamo attentamente i numeri ogni giorno. I numeri delle infezioni sono alti, ma entro i parametri di quanto si prevedeva fossero a questo stadio, dati i passi intrapresi. Continuiamo ad aderire al piano», ha affermato, secondo quanto riferisce la Bbc. Johnson ha esortato tutti a vaccinarsi e affermato che la situazione in vista dell'inverno e «incomparabilmente migliore» rispetto a 12 mesi fa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA