Shireen Abu Akleh, giornalista di Al Jazeera uccisa negli scontri in Cisgiordania. Ferito un altro reporter

Mercoledì 11 Maggio 2022
Shireen Abu Akleh, giornalista di Al Jazeera uccisa in Cisgiordania

Shireen Abu Akleh, una giornalista di Al Jazeera, è rimasta uccisa in Cisgiordania. La reporter è stata colpita da spari alla testa nel corso di scontri fra miliziani palestinesi ed esercito israeliano nel campo profughi di Jenin. Anche un altro giornalista è stato ferito. Secondo l'agenzia palestinese Wafa, che cita il ministero della Sanità palestinese, la giornalista Abu Akleh (51 anni) «è morta dopo essere stata colpita dall'esercito dell'occupazione». Un altro reporter, il palestinese Ali Samoudi, è stato ferito ed è in condizioni stabili. Il giornalista di Al-Kuds è stato raggiunto da colpi d'arma da fuoco. 

 

Azovstal, le foto dei soldati feriti nell'acciaieria assediata dai russi: «Ogni giorno potrebbe essere l'ultimo»

 

Israele: forse giornalisti colpiti da fuoco palestinese

L'esercito israeliano (Idf) sta indagando sulla «possibilità» che i due coronisti «siano stati colpiti da palestinesi armati» durante gli scontri di questa mattina nel campo profughi di Jenin, Cisgiordania. Akleh è poi morta per le ferite riportate. Lo ha fatto sapere il portavoce militare secondo cui nell'operazione a Jenin «c'è stato un massiccio fuoco di decine di palestinesi armati contro i soldati».

 

Abu Mazen condanna uccisione giornalista

La presidenza di Abu Mazen ha condannato «il crimine di esecuzione da parte delle forze di occupazione israeliane, della giornalista Shireen Abu Akleh». Lo riferisce l'agenzia Wafa. Abu Mazen ha detto di ritenere «il governo israeliano pienamente responsabile di questo atroce crimine», sottolineando che fa parte «della politica quotidiana perseguita dall'occupazione contro il nostro popolo, la sua terra ei suoi luoghi santi».

 

Cittadinanza americana

 

Shereen Abu Akleh, la giornalista di al Jazeera uccisa a Jenin questa mattina, aveva anche la cittadinanza americana. Lo ha detto l'ambasciatore Usa in Israele Tom Nides. «Sono molto rattristato - ha detto su twitter - nell'apprendere la morte della giornalista palestino-americana Shireen Abu Akleh. Sollecito una estesa indagine sulle circostanze della sua morte e sul ferimento di almeno un altro giornalista oggi a Jenin». Anche la rappresentanza della Ue presso i Palestinesi - citata dai media - ha chiesto «una indagine indipendente» sull'evento in modo «da portare i responsabili davanti la giustizia».

Ultimo aggiornamento: 10:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA