«O paghi prima per la scelta dei posti o non voli». EasyJet lascia a terra i passeggeri

«O paghi prima per la scelta dei posti o non voli». EasyJet lascia a terra i passeggeri
EasyJet nega il volo ai passeggeri che non hanno pagato il supplemento per la scelta anticipata del posto.  
Dopo che una dozzina di passeggeri è stata informata al gate di partenza di non poter volare da Luton a Inverness, l'Independent, che pubblica la notizia, ha appreso che venivano “rimandati” solo i viaggiatori che non avevano pagato un supplemento per la selezione anticipata dei posti e che l’aereo previsto per il volo EasyJet 153 di domenica 19 agosto era stato sostituito da uno più piccolo.

RyanAir, addio al bagaglio a mano gratis: ecco da quando e quanto si pagherà

Le compagnie aeree sono obbligate a rispettare le norme sui diritti dei passeggeri aerei europei e offrire incentivi nel tentativo di persuaderli a prendere un volo successivo. Il personale di terra di Luton, che è la base di EasyJet, ha offerto £ 150, ma solo sei persone viaggiatori si sono fatti avanti.

Con la compagnia obbligata a pagare € 250 (£ 224) a tutti quelli che non ha fatto salire, EasyJet avrebbe potuto aumentare l'offerta del 50% senza un incremento di costo. Uno dei passeggeri a cui è stato negato l'imbarco è stato il professor David Southall, di ritorno da un viaggio dall'associazione benefica medica che gestisce in Liberia: “Quando si è trattato della selezione di chi non avrebbe volato, non c'era umanità nel processo decisionale. In particolare c'era una signora che avrebbe dovuto partecipare al battesimo di sua nipote quel pomeriggio e lei è stata rifiutata”.

Più tardi un altro passeggero, vedendo l'angoscia della signora, si è offerto di rinunciare al suo posto in modo che la nonna potesse assistere al battesimo, ma un supervisore ha detto che non c’era più tempo disponibile.
La politica della compagnia aerea è di liberarsi delle ultime persone per il check-in, ad eccezione di coloro che hanno pagato per un posto. All'inizio di questo mese, uno studente in viaggio da Stansted verso la Sardegna è stato respinto in modo che un altro passeggero il cui posto era impraticabile si potesse sedere.
Il professor Southall ha criticato la scelta sottolineando che l’azienda da non ha valutato la cosa secondo l’esigenza dei viaggiatori: "Se avessero iniziato a indagare su questo prima del gate, avrebbero potuto facilmente identificare quelli con un bisogno pressante di partire".

Un portavoce della compagnia ha dichiarato: "EasyJet può confermare che, a seguito di un downgrade dell'aeromobile da un A320 più grande a un A319 più piccolo, alcuni passeggeri non sono stati in grado di viaggiare sul volo EZY153 da Luton a Inverness il 19 agosto. Vorremmo scusarci per l'inconveniente causato. Lo stesso giorno abbiamo offerto a tutti i passeggeri che non erano in grado di viaggiare altri voli EasyJet. Stiamo indagando sul motivo per cui i passeggeri sono stati erroneamente informati sui loro diritti. Il nostro team di assistenza clienti sta contattando tutti gli interessati per garantire loro un risarcimento adeguato. Il nostro modo di agire in questi casi è molto chiaro e lo abbiamo affrontato col personale coinvolto”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 22 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 23-08-2018 22:42
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti