Covid, per entrare negli Usa non servirà più il tampone negativo. L'annuncio di oggi di Biden

L'amministrazione Biden annuncerà oggi lo stop alla richiesta di un test anti-Covid negativo prima di entrare negli Stati Uniti.

Covid, per entrare negli Usa non servirà più il tampone negativo. L'annuncio di oggi di Biden
Covid, per entrare negli Usa non servirà più il tampone negativo. L'annuncio di oggi di Biden
3 Minuti di Lettura
Sabato 11 Giugno 2022, 12:34 - Ultimo aggiornamento: 12:35

Covid, Usa: stop ai test negativi prima di entrare negli Stati Uniti. L'annuncio oggi di Biden. Da domenica 12 giugno, i visitatori negli Stati Uniti non avranno più bisogno di fare un test anti - Covid prima di volare. Ad anticipare la notizia è la Cnn, a seguire la conferma della Casa Bianca, con un tweet del suo vice portavoce Kevin Munoz.

Leggi anche > Il sindaco Beppe Sala positivo al Covid: «Ho dolori, febbre e tosse». Il post su Instagram

Ultimo weekend in cui viaggiatori che volano negli Usa dovranno sottoporsi ai test per il Covid-19 prima di mettere effettivamente piede sul suolo statunitense, previo esito negativo naturalmente. L'obbligo decade infatti alla mezzanotte di domenica 12 giugno.

L'autorità sanitaria (i Centres for Desease Control) - spiega la Cnn - ha stabilito che, «sulla base delle informazioni scientifiche e dei dati» a disposizione, sottoporsi al test all'arrivo non è a questo punto più necessario. Una decisione che verrà riesaminata alla scadenza dei 90 giorni quando, se le circostanze lo richiederanno, potrà anche essere revocata. Il vice portavoce della Casa Bianca, Kevin Munoz, ha confermato l'anticipazione dei media statunitensi con un tweet: «Gli Stati Uniti metteranno fine all'obbligo di test per il Covid-19 per i viaggiatori internazionali che arrivano via aerea nel Paese».

La misura era stata introdotta nel gennaio 2021 e ad oggi ha resistito alle pressioni del settore dei viaggi, giunte fin dentro alla West Wing, che nelle ultime settimane si erano fatte sempre più insistenti, fino a bollare le regole ancora in vigore come 'fuori tempo massimo' e responsabili di potenziali effetti devastanti sulla già fragile economia del settore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA