Covid in Francia, Macron: «Sì al green pass e alla terza dose, non escludiamo il vaccino obbligatorio»

Lunedì 12 Luglio 2021
Covid in Francia, Macron: «Sì al green pass e alla terza dose, non escludiamo il vaccino obbligatorio»

Covid in Francia, il discorso di Emmanuel Macron alla nazione: «Il green pass servirà per accedere ovunque, con la variante Delta dobbiamo porci la questione del vaccino obbligatorio».

 

Leggi anche > Francia, allarme variante, il ministro della Salute: «Inizia la nuova ondata». Nuove misure in arrivo

 

Il presidente della Repubblica francese, parlando alla nazione, ha parlato innanzitutto del green pass: «Servirà, da agosto, per accedere ai caffé, ai ristoranti, ai centri commerciali, agli aerei, ai treni, ai pullman di lunga percorrenza, e strutture mediche. Già dal 21 luglio sarà esteso anche per tutti coloro che hanno almeno 12 anni e servirà per accedere ai luoghi di svago e di cultura con eventi da 50 persone in su».

 

 

 

 

Emmanuel Macron ha anche parlato della vaccinazione: «Sarà resa obbligatoria per tutto il personale sanitario e non sanitario di ospedali, cliniche, case di cura, strutture per persone in situazione di handicap, tutti i professionisti o i volontari che lavorano a contatto con le persone fragili, anche a domicilio». Di fronte alla minaccia della variante Delta, però, il presidente francese non esclude misure più drastiche: «La Francia è toccata da una forte ripresa dell'epidemia in tutti i territori. Se non agiamo fin da subito, il numero dei casi continuerà ad aumentare fortemente e i ricoveri saranno in crescita dal mese di agosto. Il vaccino è la nostra risorsa principale che ci protegge dalle varianti ed evita il 95% delle forme gravi. Dobbiamo agire in fretta ma se la vaccinazione non aumenterà in modo sufficiente, dovremo porci la questione dell'obbligo per tutti i francesi».

 

 

 

 

Emmanuel Macron ha anche annunciato l'ok alla terza dose di vaccino: «Dobbiamo pensare ad un ulteriore richiamo per chi è stato vaccinato all'inizio del 2021, ma solo dopo aver protetto gli studenti e i ragazzi dai 12 anni in su».

© RIPRODUZIONE RISERVATA