Festa di matrimonio diventa un focolaio di Covid: 177 contagiati e sette morti in Usa

Venerdì 18 Settembre 2020
Festa di matrimonio diventa un focolaio di Covid: «177 contagiati e sette morti»
La festa di matrimonio diventa un focolaio di coronavirus: i contagiati sono 177, con 7 morti. Accade negli Usa nello stato del Maine, vicino al confine col Canada, dove lo scorso 7 agosto 65 persone hanno partecipato prima ad una cerimonia di nozze in una chiesa battista, poi alla festa a Millinocket, un paesino di 4mila abitanti.

Leggi anche > Covid in Gran Bretagna, il ministro della Salute: «Nuovo lockdown non è escluso»

Dieci giorni dopo la festa, in 24 sono risultati positivi al tampone per il Covid-19, e il Centro per il controllo delle malattie del Maine ha aperto un'inchiesta: tra contatti stretti e non solo, alla fine i positivi legati a quella che è stata una vera e propria bomba epidemiologica sono stati 177, e sette persone hanno perso la vita. 

Le autorità dello Stato, che da marzo ha registrato meno di 5.000 casi di coronavirus, hanno tracciato la linea dei contagi e concluso che dal ricevimento il virus ha viaggiato centinaia di chilometri. Le sette vittime, peraltro, non erano nemmeno tra gli invitati al matrimonio. La cerimonia aveva visto anche più presenti del dovuto, perché le regole dello Stato prevedono un massimo di 50 persone (erano invece 65).
© RIPRODUZIONE RISERVATA