Corpo mummificato nel muro del palazzo in ristrutturazione: scoperta choc

I resti del 42enne scomparso sono stati scoperti il mese scorso da un operaio durante i lavori di ristrutturazione dell’edificio

Giovedì 21 Aprile 2022
immagine di repertorio

Sono stati identificati i resti "mummificati" di un uomo trovati dietro un muro al Kaiser Convention Center di Oakland negli Stati Uniti. L'ufficio del coroner della contea di Alameda ha dichiarato che si tratta del corpo di un uomo del posto, Joseph Edward Mejica, 42 anni. I resti sono stati scoperti il mese scorso da un operaio durante i lavori di ristrutturazione dell’edificio.

 

L’ipotesi della polizia, riporta l’Independent, è che l’uomo possa essere caduto dal tetto all'interno dell’edificio e che sia rimasto bloccato in un’intercapedine. «Nel tempo -  ha spiegato il tenente Ray Kelly - il corpo, che iniziava a decomporsi, è poi scivolato verso il basso».

 

Leggi anche > Violentata dal padre, adolescente si toglie la vita: gli abusi iniziati quando aveva 4 anni

 

Mejica era stato visto vivo l'ultima volta il 22 agosto 2020 e secondo il dipartimento di polizia di Oakland era un senzatetto della città. In un primo momento gli investigatori avevano ipotizzato si potesse trattare di omicidio, con il cadavere occultato dietro alla parete. I riscontri invece avrebbero portato poi verso la pista dell'incidente, anche se al momento non è ancora nota la causa della morte. Il corpo è stato trovato due anni dopo la denuncia della scomparsa fatta dalla famiglia del 42enne, che aveva offerto una ricompensa di 5.000 dollari per avere informazioni utili a ritrovarlo. Un elemento chiave nell'identificazione è stato il numero di serie su una placca metallica chirurgica inserita nella caviglia di Mejica nel 2005. 

 

Ultimo aggiornamento: 21:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA