Coronavirus, Virgin Atlantic riduce il numero di voli: meno l'85% entro aprile

Lunedì 16 Marzo 2020
Virgin Atlantic sta pianificando di ridurre drasticamente il numero di voli a causa del Coronavirus. La compagnia aerea ha dichiarato che entro il 26 marzo vedrà una riduzione dell'80% sul numero di voli. Circa il 75% della sua flotta sarà parcheggiata entro il 26 marzo e la percentuale salirà all'85% nel mese di aprile.

Leggi anche > Decreto coronavirus, via libera dal cdm. Conte: «Misure per imprese, famiglie e lavoratori. 350 miliardi per l'emergenza»

Virgin, come riporta l'Independent, ha fatto sapere che darà la priorità alle sue rotte principali in base alla domanda dei clienti, che sarà continuamente riesaminata e ha dichiarato che terminerà i voli da Londra Heathrow a Newark, nel New Jersey, con effetto immediato.

Per far fronte alle conseguenze economiche a cui si andrà incontro, la compagnia aerea sta chiedendo al personale di prendere otto settimane di ferie non retribuite nei prossimi tre mesi, ma ha chiarito che non ci saranno perdite di posti di lavoro. Le detrazioni per gli stipendi delle ferie non retribuite saranno ripartite su sei mesi. Verrà offerta la possibilità di licenziamenti e sabbatici volontari da sei a 12 mesi. Gli aumenti salariali saranno sospesi fino al 2021, il contributo pensionistico del datore di lavoro sarà ridotto per un anno e la retribuzione per malattia sarà ridotta a 12 settimane. © RIPRODUZIONE RISERVATA