Coronavirus, la nuova speranza da un antitumorale: «Efficace sull'80% dei pazienti»

Lunedì 19 Ottobre 2020 di Enrico Chillè
Coronavirus, la nuova speranza da un antitumorale: «Efficace sull'80% dei pazienti»

Una nuova speranza per una possibile cura contro il Covid-19 arriva da un farmaco antitumorale a base di plitidepsina: si tratta dall'Aplidin, che è stato sperimentato in diversi ospedali in Spagna e che avrebbe dato dei risultati molto incoraggianti.

Leggi anche > Senza mascherina, viene fermato dalla polizia e sputa agli agenti: arrestato

Il farmaco è stato testato in due diverse fasi su 24 pazienti, ricoverati in 13 diversi ospedali spagnoli. I risultati sono decisamente promettenti: nella prima settimana in tutti i pazienti è stata riscontrata una diminuzione della carica virale, con oltre l'80% dei pazienti dimessi in due settimane ed il 37% guarito dopo la prima settimana. Il test clinico è stato oggetto di uno studio di alcuni ricercatori spagnoli, coordinati dall'infettivologo José Barberàn.

Come spiega 20minutos.es, il medico e ricercatore ha spiegato: «Nessuno dei pazienti curati con l'Aplidin è morto, sono tutti guariti e sono stati dimessi». La plitidepsina, molecola contenuta nell'Aplidin, se presa per tre giorni consecutivi per via orale, si è dimostrata molto efficace nella prima settimana, quando avviene la replicazione virale. Secondo i medici e i ricercatori spagnoli, la plitidepsina potrebbe affiancarsi a corticosteroidi come il desametasone, uno dei farmaci utilizzati per curare Donald Trump, rivelatosi molto efficace specialmente nella seconda settimana successiva all'infezione.

Per ottenere risultati definitivi sull'Aplidin e sulla plitidepsina, i ricercatori attendono ora l'ok dell'Agenzia spagnola del farmaco (Aem) alla fase 3 della sperimentazione. Vicente Estrada, medico dell'ospedale San Carlos di Madrid, ha spiegato: «Anche se siamo di fronte a dati preliminari, i risultati sono molto incoraggianti perché il farmaco finora si è rivelato efficace e sicuro». La sperimentazione potrebbe essere presto segnalata anche all'Agenzia del farmaco statunitense (Fda), per una comparazione tra gli effetti dell'Aplidin e altri trattamenti utilizzati contro il coronavirus, come il Remdesivir.

© RIPRODUZIONE RISERVATA