Coronavirus in Gran Bretagna, la polizia: «Pronti a punire cene e pranzi di Natale in famiglia se violano le regole»

Giovedì 29 Ottobre 2020
Coronavirus in Gran Bretagna, la polizia: «Pronti a punire cene e pranzi di Natale in famiglia se violano le regole»

Coronavirus, in Gran Bretagna quella che da noi è stata solo un'ipotesi (poi naufragata) rischia seriamente di diventare realtà. Per fronteggiare l'emergenza Oltremanica, infatti, è stato imposto un categorico divieto di riunirsi in casa con più di sei persone e la polizia ha avvertito con un certo anticipo i cittadini: «Interverremo nelle case e puniremo pranzi e cene di Natale in famiglia se violeranno le regole».

 

Leggi anche > Amanda Knox: «La pandemia come la prigione. Ora tutti sanno cosa significa sentirsi perduti»

 

David Jamieson, commissario di polizia delle West Midlands, ha annunciato il pugno di ferro in un'intervista al Telegraph: «Dobbiamo ricordare che, sia all'aperto che al chiuso, sono vietati i raduni con più di sei persone. Non è compito della polizia impedire alle persone di godersi il Natale, ma dobbiamo far rispettare le regole e questo vale anche per Hanukkah e Diwali, le festività ebraiche e indiane».

 

Il dirigente di polizia britannico ha poi ammesso: «Questo scenario, se si renderà necessario, potrebbe portare a possibili rivolte ma la situazione in questo momento è delicata». Mentre Boris Johnson, come tanti cittadini britannici, speravano in un Natale 2020 più sereno, gli scienziati lasciano poche speranze: «Dobbiamo tutti essere realisti e accettare che le festività natalizie saranno diverse dagli altri anni a livello di celebrazioni in famiglia».

Ultimo aggiornamento: 22:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA