Cina, il giallo della centrale nucleare di Taishan: «Rischio fuga radioattiva». Ma Pechino nega tutto

Martedì 15 Giugno 2021
Il giallo della centrale nucleare cinese: «Minaccia imminente di radiazioni». Ma Pechino nega tutto

Non bastasse l'origine del coronavirus, dalla Cina arriva un nuovo giallo e riguarda una centrale nucleare. A Taishan, nel sud del Paese, ci sarebbe stato infatti - secondo i media americani - un evento sospetto: a lanciare l'allarme è stata la Cnn, che ha riportato un'informativa con cui Framatome, filiale del colosso francese dell'energia Electricite de France che ha collaborato nella costruzione della centrale (che si trova 130 chilometri a ovest di Hong Kong), aveva avvertito a fine maggio gli Stati Uniti di un «potenziale problema» a Taishan. Comunicando la possibilità di una «minaccia radiologica imminente» al Dipartimento dell'Energia americano, in base alla ricostruzione dei media statunitensi che hanno citato funzionari anonimi americani e documenti esaminati

 

Leggi anche > Nell'istituto di virologia di Wuhan c'erano pipistrelli vivi

 

La Cina: «Stessi livelli di radiazione»

 

Pechino questa mattina ha cercato di tranquillizzare tutti, rendendo noto che non è stato registrato alcun cambiamento nei livelli di radiazione dell'impianto nucleare: «Non ci sono anomalie nei livelli di radiazione attorno alla centrale nucleare e la sicurezza è garantita», ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Zhao Lijian. Già ieri la Edf, partner del progetto congiunto dell'impianto con China General Nuclear Power Corporation (CGN), aveva puntualizzato che al momento le emissioni di gas nell'atmosfera sono «entro i limiti autorizzati». Edf aveva però ammesso «un aumento della concentrazione di alcuni gas nobili», legati all'ipotesi di una perdita dal processo di fissione. I cinesi di Cgn rassicurano: tutti gli indicatori di funzionamento «sono in linea con le normative sulla sicurezza nucleare e i requisiti tecnici». «Abbiamo fatto funzionare con rigore i reattori e in conformità con i documenti di licenza commerciale e le procedure tecniche», sottolineano in una nota.

 

La ricostruzione della Cnn

 

La società Framatome presentò il 3 giugno - secondo le ricostruzioni - una richiesta d'assistenza per la sicurezza operativa alla stessa agenzia, in cui avvertì che un reattore nucleare accusava una perdita di gas di fissione e che le autorità cinesi stavano alzando i limiti delle radiazioni intorno alla struttura per tenerlo in funzione. La richiesta portò a vari incontri ad alto livello a Washington, nonché discussioni tra i governi di Usa e Francia e contatti tra quelli di Usa e Cina. I funzionari americani stanno valutando la situazione, «ma non pensano ancora che la struttura sia a livello di crisi», ha riferito la CNN. Washington, tuttavia, non si è ancora pronunciata in via ufficiale.

 

Sotto osservazione è finito il circuito primario, sigillato e con acqua sotto pressione, che si scalda nella vasca del reattore a contatto col combustibile. «La presenza di alcuni gas nobili nel circuito primario - ha precisato EDF - è un fenomeno noto, studiato e previsto dalle procedure di gestione dei reattori». Da quando è entrata in funzione, Taishan «ha fatto funzionare con rigore i reattori e in conformità con i documenti di licenza commerciale e le procedure tecniche», ha affermato CGN. L'unità 1, quella incriminata, funziona normalmente e l'unità 2 è stata ricollegata alla rete appena la scorsa settimana dopo una revisione, ha chiarito la compagnia cinese in una dichiarazione sul sito web. I due reattori EPR con tecnologia francese hanno la capacità combinata di 3,3 gigawatt e sono operativi, rispettivamente, dal 2018 e dal 2019.

 

Framatome, invece, ha reso noto in giornata all'agenzia di stampa Afp che stava lavorando alla soluzione di un «problema di prestazioni» e che l'impianto funziona «entro i parametri di sicurezza». CGN controlla il 51% di Taishan ed EDF il 30%, mentre la parte residua fa capo a Guangdong Yuedian Group. La vicenda è maturata nel mezzo di una carenza di energia nel Guangdong, il polo industriale cinese, che ha costretto più di 20 città a razionare l'energia ad aziende e fabbriche. La Cina è il terzo mercato mondiale dell'energia nucleare, dopo Stati Uniti e Francia, e finora non ha mai avuto gravi incidenti nucleari.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 12:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA