Benzinaio 20enne chiede di mettere la mascherina, cliente torna a casa a prendere la pistola e lo uccide: «Stress da Covid»

L'omicidio in Germania, il killer ha ammesso di essere molto stressato per la situazione generata dalla pandemia Covid

Martedì 21 Settembre 2021

Un ventenne è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa, in Germania, per aver fatto notare al cliente della stazione di benzina dove lavora come assistente l'obbligo di portare la mascherina. È accaduto a Idar-Oberstein, nel Land della Renania -Palatinato.

 

Vaccino Covid, Abrignani: «Con la terza dose protezione al 90%, anche contro Delta. Speriamo che duri anni»

 

Secondo la ricostruzione della Procura, che ha fatto arrestare l'omicida, l'uomo sarebbe tornato a casa proprio per prendere una pistola che teneva nascosta e tornare alla stazione di benzina. Alla seconda richiesta di indossare la mascherina, il 49enne ha sparato uccidendo il suo interlocutore sul colpo. Il responsabile ha ammesso l'omicidio e si è giustificato affermando che la situazione generata dalla pandemia lo ha messo sotto forte stress: si è sentito stretto nell'angolo, ha aggiunto, e ha pensato di non avere altra via di uscita che dover dare un segnale. L'uomo, che respinge le misure anticovid, ha anche affermato di aver inizialmente dimenticato la mascherina.

Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 20:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA