Il bambino di un mese e mezzo rischia di morire, i medici lo salvano con un'operazione a cuore aperto

Martedì 19 Maggio 2020
Il bambino di un mese e mezzo rischia di morire, i medici lo salvano con un'operazione a cuore aperto
Un'operazione delicatissima, con alte percentuali di rischio, ma effettuata con successo. Ora che i reparti Covid si stanno lentamente svuotando, medici e infermieri continuano il loro straordinario lavoro e salvano vite con interventi al limite del miracoloso. È il caso, ad esempio, di un bambino di appena un mese e mezzo che rischiava di morire a causa di un'ostruzione tra il cuore e i polmoni.

Leggi anche > A 17 anni rifiuta 8 milioni di dollari per il suo colosso web sul Covid: «Non amo speculare»

È accaduto all'ospedale Casa Salud di Valencia, una delle città spagnole più colpite dalla pandemia dopo la capitale Madrid. I chirurghi infantili, guidati dal dottor José Maria Caffarena, lo hanno salvato realizzando un complesso intervento con circolazione extracorporea e ipotermia moderata, per ricostruire alla perfezione il punto ostruito, situato tra il ventricolo destro e le arterie polmonari. Lo riporta 20minutos.es.

L'operazione è perfettamente riuscita e dopo pochi giorni il piccolo è stato dimesso: le sue condizioni di salute sono buone. L'intervento è stato realizzato nello stesso ospedale, e a poche ore di distanza, da quello effettuato su una bambina di nove anni che soffriva di una cardiopatia congenita con interessamento dell'aorta. Le cardiopatie congenite, malformazioni del cuore o dei grandi vasi sanguigni, nei bambini appena nati non sono poi così rare. Il dottore che salva i bambini affetti da queste patologie ha lanciato un appello: «Purtroppo non possiamo garantire al 100% la buona riuscita di ogni operazione, è fondamentale la diagnostica in gravidanza per scovare eventuali anomalie e far trovare preparati i neo-genitori, che così potranno in anticipo scegliere anche le strutture migliori per il parto e per le cure successive alla nascita». © RIPRODUZIONE RISERVATA