Azovstal, le foto dei soldati feriti nell'acciaieria assediata dai russi: «Ogni giorno potrebbe essere l'ultimo»

Mercoledì 11 Maggio 2022

Braccia o gambe amputate, ferite mal cucite in volto, teste bendate, tentativi di saturare ferite con il materiale rimasto a disposizione. E' quanto si vede nella serie di fotografie diffuse sui social dai militari del Battaglione Azov asserragliati nell'acciaieria Azovstal di Mariupol. Mostrando le condizioni di scarsa igiene e le ridotte possibilità di cura in cui versano i militari feriti, il battaglione Azov chiede l'intervento delle Nazioni Unite e del Comitato della Croce Rossa internazionale, oltre all'aiuto dell'intera comunità internazionale, per ottenere la loro evacuazione.

 

Ucraina diretta, allarme dell'intelligence Usa: «La guerra sarà estenuante, Russia potrebbe usare armi nucleari»

 

 

 

''Stiamo subendo perdite pesanti'' ha detto a Sky News il responsabile dell'intelligence del Battaglione Azov, il tenente Illya Samoilenko. ''Ogni giorno per noi potrebbe essere l'ultimo'', ha dichiarato descrivendo una situazione ''straziante'' mentre i russi continuano ad attaccare. "Il numero di soldati feriti è molto alto e queste persone meritano tutte le cure adeguate'', ha affermato, aggiungendo che nessuno si aspettava che resistessero così tanto ai russi, ma stanno ancora combattendo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA