Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Iva carburanti, stop al pagamento in contanti dal benzinaio

Iva carburanti, stop al pagamento in contanti dal benzinaio
Iva carburanti, stop al pagamento in contanti dal benzinaio
2 Minuti di Lettura
Sabato 7 Aprile 2018, 10:03 - Ultimo aggiornamento: 10:29
Stop al pagamento in contanti dal benzinaio, almeno per chi ha la necessità di detrarre le spese.

Dal primo luglio prossimo, per i soggetti titolari di partita Iva, scatta l'obbligo di pagamento degli acquisti di carburanti e lubrificanti con le modalità diverse dal contante al fine di poter detrarre l'imposta e dedurre le spese derivanti dall'acquisto. I costi relativi a benzina e diesel infatti - secondo quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2018 - diventeranno deducibili solo se sostenuti tramite carte di credito, carte di debito o carte prepagate. E non solo. Un provvedimento diffuso dall'Agenzia delle entrate determina gli ulteriori mezzi di pagamento per l'acquisto di carburanti e lubrificanti idonei a consentire la detraibilità Iva e la deducibilità della spesa da parte dell'operatore Iva.

Inps, dal 2019 in pensione a 67 anni, dal 2021 aumenti biennali: ecco cosa cambia

Nella lista degli strumenti di pagamento consentiti vi sono, oltre alle carte di credito/debito e prepagate, bonificobancario o postale, assegni, addebito diretto in conto corrente, oltre naturalmente alle carte di credito, al bancomate alle carte prepagate. Per preservare l'operatività attuale, il provvedimento dell'Agenzia delle entrate specifica, inoltre, che per l'acquisto dei carburanti è possibile continuare a utilizzare le cosiddette carte carburanti, cioè quelle carte che vengono rilasciate agli operatori Iva dalla compagnia petrolifera a seguito di specifici contratti di netting, che consentono il pagamento in un momento diverso rispetto alla cessione. Sono valide anche le carte (ricaricabili o meno) e i buoni, che permettono alle imprese e ai professionisti di acquistare esclusivamente i carburanti e lubrificanti(con medesima aliquota Iva). L'uso di questi strumenti è possibile solo se i pagamenti vengono effettuati in una delle modalità previste dal provvedimento stesso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA