Nuovo DPCM, verso ingresso senza green pass al supermercato e dal medico

Nuovo DPCM, verso ingresso senza green pass al supermercato e dal medico
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Gennaio 2022, 20:00
(Teleborsa) - La spesa al supermercato. La farmacia, l'ospedale, l'ambulatorio del medico di base o il veterinario. Una denuncia se si è vittime di reato o per esigenze urgenti di tutela dei minori. Sarebbero queste, secondo quanto si apprende, alcune eccezioni all'obbligo di esibire il green pass per l'accesso a servizi e attività commerciali in arrivo con il DPCM previsto dall'ultimo dl Covid, in preparazione. Ad essere consentite senza certificato (base o rafforzato) dovrebbero essere quindi le esigenze alimentari (ma non nelle attività di somministrazione, come i bar) e quelle sanitarie, oltre a quelle di giustizia e pubblica sicurezza.

Oggi, intanto, maggioranza battuta nella commissione Affari costituzionali del Senato su un emendamento al decreto Covid, proposto dal M5s, che chiedeva di consentire alle parafarmacie di fare test molecolari e antigenici rapidi anti covid. Contro la modifica, che ha avuto 13 voti contrari e 11 favorevoli, si è schierato tutto il centrodestra. L'emendamento presentato da Gianluca Castaldi, primo firmatario, aveva avuto il parere positivo del Governo e del relatore del provvedimento, Nazario Pagano di Forza Italia. Il decreto, ora in discussione in Aula, prevede tra l'altro il green pass rafforzato.


Segni di rallentamento, intanto, dalla curva dei contagi. Sono 196.224 i nuovi contagi di Covid-19 registrati in Italia nelle ultime 24 ore a fronte di oltre un milione di tamponi effettuati, tra antigenici e molecolari con la percentuale di positività al 16,5%. Molto alto, purtroppo, il numero di vittime registrate in un giorno che oggi sono 313. Si tratta del più alto numero di morti della quarta ondata. Le persone in rianimazione sono 1.669, quelle negli altri reparti 17.309.

Questi i numeri del bollettino di oggi, mercoledì 12 gennaio 2022, diffuso come ogni giorno dal ministero della Salute per aggiornare la situazione coronavirus nel nostro Paese.

Intanto, ieri nuovo record di somministrazioni per i vaccini anti-Covid: oltre 686 mila, con 77.500 prime dosi, di cui 48 mila bambini e 22.500 over 50. Lo fa sapere la struttura del commissario Francesco Paolo Figliuolo.

"Già in primavera, tra aprile-maggio 2022 ragionevolmente saremo fuori dalla pandemia. Spero potremo togliere le mascherine, visto che credo che avremo il 95% di vaccinati". Lo ha detto a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora - che ne ha diffuso il testo - il direttore della Clinica Malattie Infettive Ospedale Policlinico San Martino di Genova "Credo che in Italia oggi ci siano il 10-15 per cento di positivi, quindi circa dieci milioni di persone, ed entro la primavera più di un italiano su due sarà contagiato".

Anche se Omicron provoca una malattia meno grave di Delta, rimane un virus pericoloso, in particolare per coloro che non sono vaccinati". A ricordarlo il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus nel briefing sulla pandemia a Ginevra. Ricordando che "l'enorme picco di infezioni" nel mondo "è guidato da Omicron, che sta rapidamente sostituendo Delta in quasi tutti i paesi". E "la scorsa settimana più di 15 milioni di nuovi casi di Covid sono stati segnalati in tutto il mondo, di gran lunga il maggior numero di casi segnalati in una sola settimana".


© RIPRODUZIONE RISERVATA