Caltagirone-Google, intesa per remunerare le news: parte il progetto Showcase

Giovedì 25 Marzo 2021 di Roberta Amoruso

Il Gruppo Caltagirone firma un accordo storico con Google e scrive da protagonista il capitolo della svolta nel rapporto tra il colosso di Moutain View e gli editori italiani. L'intesa prevede l'utilizzo del programma News Showcase per la pubblicazione di alcuni contenuti prodotti da tutte le testate del Gruppo (Messaggero, Mattino, Gazzettino, Leggo, Corriere Adriatico e Nuovo Quotidiano di Puglia). Si tratta di una scheda, una sorta di vetrina, che appare nei motori di ricerca, Google News o Google Discover, nella quale le testate del Gruppo potranno inserire i propri contenuti di qualità a fronte di un corrispettivo a monte riconosciuto da Google. E potranno farlo proponendo schede a carattere nazionale e locale seguendo le specificità delle varie testate. Un modo per valorizzare i contenuti online, ma anche per permettere ai lettori di individuare subito la fonte delle informazioni.

Facebook, «contributo significativo» ai giornali per evitare la stretta sulle notizie in Australia. L'Europa ferma al palo


«L'accordo raggiunto con Google per la partecipazione dei quotidiani Caltagirone Editore a News Showcase si inserisce nelle strategie digitali delle nostre testate che avranno a disposizione un canale innovativo col quale raggiungere nuovi lettori consolidando al contempo il rapporto con quelli abituali», ha sottolineato Azzurra Caltagirone, vice presidente Caltagirone Editore. «L'iniziativa, grazie alla quale le aziende editoriali potranno beneficiare di nuove fonti di remunerazione», ha aggiunto, «è un passo importante per definire un ecosistema digitale nel quale i giornali tradizionali potranno continuare a garantire quell'indipendenza e quella qualità dei contenuti vitale per la società contemporanea e qualifica Google come un partner forte ed attento alle esigenze ed alla salvaguardia del settore dell'informazione».


IL MODELLO
La rotta è la stessa segnata in altri Paesi, come la Francia e l'Australia. E conferma l'impegno e il ruolo di prima linea giocato dal Gruppo nell'informazione multimediale.
In Italia a stringere l'accordo e ad esprimere soddisfazione sono stati anche altri grandi gruppi come RCS Media Group, Sole 24Ore, Gruppo Monrif, oltre a il Fatto Quotidiano, Libero, Il Foglio, Il Giornale, Il Tempo, Ciaopeople, Edinet, Gruppo Corriere, Citynews e Varese web. Nell'annunciare l'accordo Google ha precisato che Showcase sarà disponibile in Italia nei prossimi mesi e che le intese tengono conto dei principi fissati nell'art. 15 della Direttiva Europea sul diritto d'autore. Gli editori e la Fnsi attendono, comunque, il completamento anche in Italia dell'iter per il recepimento della direttiva alla luce del termine fissato a giugno 2021 dalla stessa normativa Ue. La piena applicazione di quella legge è considerata un passaggio cruciale per chiedere ai giganti del web, Facebook compreso, le giuste remunerazioni.

Ultimo aggiornamento: 08:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA