Ristori, da oggi le domande per gli aiuti: dalle imprese alle partite Iva,
come richiedere il bonifico in due settimane

Le domande per le risorse a fondo perduto vanno inoltrate all'Agenzia delle Entrate
Le domande per le risorse a fondo perduto vanno inoltrate all'Agenzia delle Entrate
di Roberta Amoruso
5 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Marzo 2021, 16:42 - Ultimo aggiornamento: 30 Marzo, 09:08

Pronti via con le domande per i nuovi ristori. Le richieste potranno essere presentate online all’Agenzia delle Entrate a partire da oggi (martedì 30). E dovrebbero essere circa 3 milioni di imprese e partite Iva  che riceveranno indennizzi a fondo perduto, oppure, dietro richiesta, un credito d’imposta equivalente. In media avranno circa 3.700 euro a testa   La promessa dell'Agenzia, guidata da Ernesto Maria Ruffini, è di versare gli aiuti entro due settimane dalla domanda, con tanto di un bonifico sul conto corrente indicato.

Dl sostegni: la tariffa dei rimborsi per bar, palestre, alberghi e piscine: al massimo si arriva al 5%

I BENEFICIARI

Rispetto agli interventi precedenti, il provvedimento ha esteso la platea dei potenziali beneficiari. Da una parte è stato cancellato il requisito dei codici Ateco, che aveva escluso diverse categorie dai precedenti ristori. Inoltre, è stato di fatto raddoppiato rispetto al decreto Rilancio, il limite massimo di fatturato per poter chiedere il contributo, da 5 a 10 milioni annui.

 

COME FARE DOMANDA

Oltre a non superare questo tetto, le imprese devono aver subito una perdita di fatturato medio mensile nel 2020 rispetto al 2019 di almeno il 30%. A quel punto possono inoltrare la domanda online, attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate oppure attraverso la pittaforma web messa a punto da Sogei, disponibile nell’area riservata del portale «Fatture e Corrispettivi». La richieste può essere inviata da oggi (30 marzo) al 28 maggio, anche attraverso un intermediario. E in ogni caso saranno necessarie lle credenziali Spid, Cie (carta d’identità elettronica), Cns (carta nazionale dei servizi), Entratel dell’Agenzia.

I TEMPI

Una volta fatte tutte le verifiche sui dati inseriti nella domanda  (i requisiti di perdita del fatturato, codice fiscale e dell’iban intestato al richiedente), l’Agenzia comunicherà l'ok all'accettazione o il rifiuto, con tanto di motivazioni, della domanda. E allora dovrebbe servire soltanto un'altra manciata di giorni, perchè  il bonifico sia visibile sul conto corrente. Secondo le stime dell’Agenzia, la pratica potrebbe essere chiusa entro due settimane, quindi con i primi bonifici in arrivo già a metà aprile. 

I CRITERI

L’indennizzo è ripartito in 5 fasce. E dunque potrà essere pari al 60% dell’ammontare della perdita per i soggetti con ricavi fino a 100 mila euro ; del 50% per quelli fra 100 mila e 400 mila euro di fatturato; del 40% tra 400 mila e un milione; del 30% tra 1 e 5 milioni; del 20% tra 5 e 10.

È comunque garantito un contributo minimo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. L’importo del contributo riconosciuto non può in ogni caso superare 150.000 euro.

E una volta effettuato il bonifico, l'Agenzia potrà fare ulteriori controlli a posteriori, utilizzando i dati della fatturazione elettronica. In caso di aiuti non dovuti, scatterà la richiesta di rimborso con le sanzioni e la segnalazione alla alla Guardia di Finanza.

GLI ESEMPI

Ma un po' di delusione c'è tra le aziende che hanno perso oltre il 30% del fatturato mensile medio 2020 su quello registrato nel 2019 e accederanno ai contributi a fondo perduto. Secondo i dati della Cgia di Mestre, gli aiuti andranno a coprire tra l’1,6 e il 5% delle perdite subite l’anno scorso. Se alle attività che fatturano molto gli aiuti saranno molto esigui, ai piccoli le cose andranno solo un po’ meglio. Qualche sempio: per un bar che nel 2019 ha fatturato 90 mila euro e l’anno scorso ha perso il 50% del fatturato, l’importo che gli verrà riconosciuto con il decreto sostegni sarà di 2.250 euro, praticamente il 5% della perdita di fatturato. Una agenzia di viaggi che nel 2019 ha registrato un fatturato di 200 mila euro e l’anno successivo ha subito una calo del fatturato dell’80%, gli verrà riconosciuto  6.667 euro di rimborso, pari al 4,2% della perdita di fatturato. Un albergo che nel 2019 ha fatturato 500 mila euro e nel 2020 ha visto contrarsi lo stesso del 60%, riceverà 10 mila euro, pari al 3,3% delle perdite. Una piscina o palestra con un fatturato di 2 milioni di euro e un calo del medesimo registrato nel 2020 del 75%, “porterà” a casa 37.500 euro. Cifra che ammonta al 2,5% della perdita subita. Infine, una azienda tessile con un fatturato 2019 di 7 milioni di euro e una perdita avvenuta nel 2020 del 35%, gli verrà riconosciuto un indennizzo di 40.833 euro. Importo, quest’ultimo, che coprirà l’1,6% delle perdite. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA