Da multiutility a multicircle, la metamorfosi del gruppo Iren

Mercoledì 3 Febbraio 2021

Il paradosso dell’emergenza Covid è che mentre in tutto il mondo le principali produzioni industriali si sono fermate per effetto del lockdown, gran parte delle aziende immerse nei processi di trasformazione digitale e di transizione energetica hanno fatto salti da gigante nella direzione dello sviluppo. Al punto da dover ricalibrare la mission e riposizionare il brand. Un caso di scuola è sicuramente l’Iren, una delle più importanti e dinamiche multiutility del panorama italiano, attiva nei settori dell’energia elettrica, del gas, dell’energia termica per teleriscaldamento, della gestione dei servizi idrici integrati, dei servizi ambientali e tecnologici. Se l’obiettivo di crescita a livello nazionale resta dominante, la società emiliana di recente ha annunciato di voler diventare leader nella sostenibilità attraverso lo sviluppo della “multicircle economy”, confermando il forte radicamento nei territori storici.

Leggi anche:

Fisco, il patto piace: corsa tra le grandi imprese all'intesa anti-accertamento

Dai consumatori agli esercenti, la lotteria degli scontrini fa scontenti tutti

La multicircle economy è la strategia di crescita che estende il concetto di economia circolare, enfatizzando la natura multi-business del gruppo e la visione industriale a lungo termine focalizzata sull’uso consapevole ed efficiente delle risorse. Non solo gestione efficiente dei rifiuti, dunque, ma anche del ciclo idrico e della produzione di calore. Legno, plastica, energia, acqua: tutto può avere una seconda vita, persino una terza e addirittura una quarta. Proprio su questa nuova visione Iren ha così programmato una parte rilevante degli investimenti annunciati nel Piano al 2025. Basti dire che il 61% degli investimenti totali (3,7 miliardi) è riconducibile a voci sostenibili e oltre 2 miliardi sono attribuibili alla multicircle economy. Quotata in Borsa e partecipata da circa 100 Comuni, Iren opera in un bacino multiregionale di oltre 8 milioni di abitanti, con circa 8.100 dipendenti, ricavi superiori a 4 miliardi, un portafoglio di circa 1,9 milioni di clienti nel settore energetico, 2,8 milioni di abitanti serviti nel ciclo idrico e 3 milioni nel settore ambientale. È il primo operatore nazionale nel settore del teleriscaldamento, tanto che gestisce la rete della città più teleriscaldata d’Italia, Torino, servendo oltre 600.000 abitanti. 

Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio, 11:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche