Il calcio a un bivio tra ritorno ai vivai e indici di liquidità

Getty Images
Getty Images
di Pietro Paganini e Giuseppe Arleo
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 11:54 - Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 08:56

Il mondo del calcio è di fronte a un bivio e dovrà saper scegliere la strada giusta.

È fondamentale, per tutto il sistema calcio, che si vada verso una sostenibilità finanziaria e un’autonomia in grado di assicurare un futuro virtuoso ai club. Le riforme, di cui si parla tanto nelle ultime settimane, sono sempre più necessarie, a patto di arrivare a soluzioni condivise tra i protagonisti, a partire dalla Federcalcio e dalla Lega Serie A. I bilanci disastrati di molte società dimostrano quanto sia necessario dare stabilità all’intero movimento, per impedire di contrarre nuovi debiti e zavorrare un sistema in affanno ormai da diverse stagioni dal punto di vista della gestione economica. Le soluzioni auspicate – come l’indice di liquidità o altri diversivi utili alla causa – vanno incontro alla necessità di dare un futuro diverso al calcio italiano ed europeo. Gli ultimi risultati delle squadre italiane a livello internazionale sono la cartina tornasole di una preoccupante mancanza di competitività. La conferma viene dalle precoci eliminazioni dalle coppe europee in questa stagione e dal flop della Nazionale, costretta a saltare il Mondiale di calcio per la seconda volta di fila (almeno 12 anni senza la Coppa del Mondo per una Nazionale che ne ha vinte 4). Una cosa mai successa prima nella storia del pallone italiano. Soltanto andando verso un sistema più sostenibile, si potranno dare le giuste opportunità ai talenti di casa nostra, si potrà investire sui vivai delle nostre squadre e si eviterà di ricorrere ai mercati stranieri per completare le rose.

POCO SPAZIO PER I GIOVANI

 Una fotografia di grande rilievo è stata scattata nell’ultimo rapporto del CIES Football Observatory: considerando le partite di Serie A dal primo gennaio 2021, la quota di minuti di gioco concessa a calciatori sotto i 21 anni, non importa se italiani o stranieri, è stata pari al 3,9%. C’è poco spazio per i giovani e questo dato è il terzo numero più basso della confederazione Uefa, tanto da posizionarci solo davanti a realtà “marginali” come Turchia (2,3%) e Grecia (3,2%). Il neo presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini, ha già annunciato che verrà attivato un gruppo di lavoro «dedicato alla tematica dell’indice di liquidità per trovare una soluzione ragionevole e proporzionata, insieme con la Federazione». È fondamentale in questa fase che tutte le parti vadano nella stessa direzione, salvaguardando le proprietà dei singoli club e garantendo la continuità aziendale di chi vuole affrontare le competizioni nazionali e internazionali. Troppo a lungo il calcio italiano ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità e qualunque azienda in Italia, con simili bilanci, non sarebbe più potuta andare avanti. Ciò a cui mira l’indice di liquidità è proprio l’attestazione del grado di solvibilità di un’impresa, valutando il rischio di non riuscire a onorare i propri impegni di pagamento in tempi ristretti.

LA CRESCITA DEI TALENTI

 È fondamentale ridurre o ripensare il monte ingaggi e non fare soltanto ricorso ad artifizi finanziari come l’inflazionato meccanismo delle plusvalenze. Un punto di partenza è trovare una soluzione al problema legato ai costi di calciatori e procuratori, che in epoca pre-pandemia avevano superato il 60 per cento del fatturato secondo il presidente del Real Madrid, Florentino Perez. Il domani appartiene ai nostri talenti, ma tante società italiane non seguono più una vecchia ricetta vincente: quella del vivaio. Una ricetta che prevede di crescere in casa i propri pupilli per poi rivenderli e metterli così a bilancio, in un sistema ideale in grado di autosostenersi e prosperare soltanto con le proprie forze. Il Covid-19 ha ampliato i problemi strutturali. Nell’industria del pallone (come altrove) la pandemia ha creato vere e proprie voragini nei singoli bilanci societari, impattando per oltre due anni fonti di ricavo fino a un tempo certe come il merchandising, i diritti televisivi, le sponsorizzazioni e gli incassi dalla biglietteria.

CONTROMISURE ADEGUATE

Altre realtà di prima fascia a livello europeo hanno preso contromisure adeguate già da tempo, a partire dalla Spagna, dove il tetto salariale imposto ai club sta sortendo gli effetti sperati mentre la Premier League, in Inghilterra, può permettersi di viaggiare su ben altri binari essendo il torneo più televisto del pianeta e il più ambito dagli sponsor a livello globale. Pensando al caso italiano è ormai assodato che l’ecosistema del calcio sia eccessivamente indebitato e che le restrizioni imposte dal Covid-19 hanno aggravato a dismisura questa situazione. Tanti valori economici nel mondo del pallone in Italia oscillano nel corso delle varie stagioni sportive, perché tengono conto degli andamenti economici e di risultato registrati nell’anno, ma bisogna imporre una soglia da non oltrepassare per evitare di raggiungere un punto di non ritorno. L’indice di liquidità per i club italiani potrà anche essere un inderogabile criterio ammissivo, ma al momento servono anche riforme di sistema per rimediare a storture e criticità accumulate da almeno un decennio. Questa è la principale sfida da vincere per tornare ai successi sul campo.

Pietro Paganini, Presidente di Presidente di Competere.eu 

Giuseppe Arleo, Fellow di Competere.eu

© RIPRODUZIONE RISERVATA