Nichi Vendola e il patriottismo del “restare umani”

Giovedì 29 Luglio 2021 di Mario CARPARELLI

“La mia patria è una pietra / d’inciampo / un lampo / che rompe il confine”. Sono i versi conclusivi di “Patrie”, la poesia-manifesto che dà il titolo e apre la raccolta di Nichi Vendola pubblicata da “il Saggiatore”. Il 16 ottobre del 1943 1259 persone, di cui 689 donne, 363 uomini e 207 tra bambine e bambini, furono radunate dalle truppe tedesche della Gestapo. La retata degli ebrei di Roma avvenne principalmente al ghetto, in particolare...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA