Le sculture “da camera” di un leccese napoletano

Venerdì 13 Maggio 2022 di Carmelo CIPRIANI

Sono pochi gli scultori che, nell’ambito della figurazione, sono riusciti a raggiungere un elevato grado di riconoscibilità, per tecnica e ancor più per i soggetti trattati. Un’esclusività di temi che nel corso del Novecento ha avuto illustri rappresentati (le Pomone di Marini o i cardinali di Manzù sono tra i casi più celebri) ma che si individua con maggiore difficoltà in quel vasto coacervo rappresentato dalla scultura napoletana di fine...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA