Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

È morta Lisetta Carmi, fotografa internazionale e anticonformista

Lisetta Carmi
Lisetta Carmi
di Carmelo CIPRIANI
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Luglio 2022, 12:42

È morta Lisetta Carmi, fotografa di fama internazionale e anticonformista: aveva 98 anni.

Chi era

Non era pugliese di nascita, ma lo era di adozione e amava questa terra come pochi. Lisetta Carmi si è spenta ieri sera, all'età di 98 anni, a Cisternino, città nella quale aveva scelto di vivere fin dal 1971. Una vita intensa la sua, tanto complessa da sembrare più di una ("Le cinque vite di Lisetta" s'intitola il volume di Giovanna Calvenzi edito da Bruno Mondadori).

L'infanzia, la persecuzione nazista perché ebrea, il successo con musica, la passione per fotografia, la fede induista e l'Ashram Bhole Baba in Valle d'Itria, sono gli accadimenti salienti della sua esistenza, i poli attorno ai quali essa si è svolta, ma con un comune denominatore, la volontà di capire se stessa e gli altri. L'uomo e il profondo rispetto per la sua unicità sono il fil rouge che le ha unite tutte.

Sorella di Eugenio, celebre pittore astrattista, Lisetta si è imposta nel mondo delle arti visive per le sue fotografie, sempre incisive, attraverso cui ha indagato luoghi e ambiti della vita eterogenei, dal cimitero di Staglieno al porto di Genova, dai travestiti al momento del parto al Gaslini. E poi i ritratti, da Ezra Pound a Carmelo Bene, e i viaggi in America Latina, Palestina, Afghanistan, India, alla costante ricerca dei drammi del suo tempo. Riscoperto nell’ultimo ventennio e oggetto in tempi recenti di importanti antologiche, il suo lavoro è oggi ritenuto tra i più interessanti del secondo Novecento.

Una fotografia impegnata, testimonianza tangibile di una donna anticonformista che ha dedicato tutta la vita al superamento degli stereotipi e delle comuni convinzioni, denunciando le ingiustizie del presente e scoprendo, al contempo, l’autenticità e l’infinita bellezza del genere umano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA