“Capriola”, otto giornate per passare d’arte in arte

“Capriola”, otto giornate per passare d’arte in arte
di Marinilde GIANNANDREA
4 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 05:00

Nell’arte le rivoluzioni spesso partono dal basso, da quel mondo indipendente che permette agli artisti di esprimersi liberamente, collaborare e unire diverse abilità creative al di fuori delle richieste istituzionali e delle forze del mercato. A Lecce, Castrignano de’ Greci, Lequile e Trepuzzi da oggi al 3 luglio (inaugurazione alle 17 con partenza dall’ex stazione Agip a Lecce) “Pia - a circulating school for artists and curators” presenta “Capriola, an art week”, un programma espositivo e culturale da seguire con attenzione, una settimana dell’arte, made in Salento, giunta alla sua terza edizione. Quest’anno ha come scenario privilegiato le Mura urbiche di Lecce, aperte e visitabili nei giorni della manifestazione dalle 18 alle 21, ma il progetto si allarga anche ad altri luoghi della città e della provincia confermando le sue potenzialità con un format aperto al pubblico contemporaneo ma che non esclude realtà più storicizzate.

Pia ha organizzato una manifestazione inclusiva con realtà nazionali, internazionali e anche, più specificatamente, locali in una rete allargata e con un programma di mostre, talk, performance, film screening, laboratori, visite guidate gratuite, che coinvolgono oltre cinquanta tra artisti e curatori. Supportata dal Polo Biblio-Museale, dal Comune di Lecce e da un team di aziende, associazioni, enti privati nazionali e internazionali, Art week mette in rete energie e prospettive che per otto giorni proiettano la Città in territori inediti e occupano spazi molti dei quali eccezionalmente aperti al pubblico per questa occasione.

Talk, incontri, libri e non solo

Lungo l’elenco di artisti, tra giovani promesse e nomi più affermati, curatori, gallerie internazionali in un panorama che per gli appassionati del contemporaneo può diventare anche un termometro delle ricerche più recenti che saranno approfondite nei talk organizzati nella Sala conferenze dell’Istituto per ciechi “Anna Antonacci”. Il 30 giugno è in programma l’incontro con l’artista francese Isabelle Cornaro, il 1° luglio un confronto tra i protagonisti delle associazioni indipendenti di arte contemporanea attive in Puglia, il 2 luglio la presentazione del libro della curatrice indipendente, Irene Sofia Comi, sul collezionismo privato attivo.

Nei Bastioni delle Mura Urbiche le mostre collettive

Nei Bastioni delle Mura Urbiche è stato allestito il cuore della manifestazione con “Capriola”, la serie di mostre collettive a cui partecipano artisti, spazi indipendenti, gallerie, organizzazioni no-profit come Cripta747 (Torino) Flip Project (Napoli), Giardino Project (Lecce) Farmacia Notturna (Venezia), Latte (Faenza) Falesia Project (Lecce), Replica (Milano) e Paradise, il format espositivo attivo tra Milano e Londra che sostiene artisti emergenti e non rappresentati. La kermesse si allarga anche negli spazi della chiesetta di Palazzo Giaconia con “Foehn”, collettiva di giovani artisti del Corso avanzato in Arti Visive curato da PIA. La chiesetta, abitualmente chiusa al pubblico, si affaccia su un giardino che è un piccolo angolo di paradiso, recuperato e ripulito per l’occasione, tra siepi e fontanelle dal sapore mediorientale dove risuoneranno le audio installazioni di Helicotrema - Festival audioregistrato.

L'altra scultura di Salvatore Sava

E ancora a Lecce sono previste visite guidate gratuite alla mostra “L’altra scultura” di Salvatore Sava, negli spazi della Fondazione Biscozzi Rimbaud (29 giugno) e alla Fondazione “Nino Rollo” (2 luglio), anche questa aperta eccezionalmente al pubblico. Ricco il programma di video screening proiettati nei sotterranei della Mura urbiche per la seconda edizione di Palai, la manifestazione organizzata da un team di gallerie francesi e al Museo Castromediano che ospita dal 29 giugno “Rest”, il film di Michele Rizzo, artista e coreografo pugliese di base ad Amsterdam, girato a Milano all’interno del centro per le arti MACAO, curato da Cani e proiettato negli spazi del museo in anteprima italiana. Gli otto giorni dell’arte coinvolgono a Lecce anche spazi privati molto diversi tra loro come il Palazzo BN che dal 28 giugno consente come “servizio in camera” l’accesso ad una selezione di video dell’archivio di Instudio e il piccolo Biboù che dal 29 giugno presenta la personale di Serena Grassi. Kora, lo spazio contemporaneo di Castrignano de’ Greci, ospita il 26 giugno il film screening e il talk con Davide Quadrio e il 28 giugno una serie di video dei Masbedo.

Ricco il programma di performance che si svolgeranno nei diversi spazi della manifestazione e ancora arti visive e dj set nella festa del 2 luglio a La Restuccia di Lequile mentre a Trepuzzi e nella giornata conclusiva un dialogo sulle “Pratiche discorsive tra autodeterminazione e autocensura” a Trepuzzi negli spazi del giardino Project “nella giornata conclusiva dove Giuseppe Arnesano incontra Irene Sofia Comi.

Ingresso gratuito a tutti gli eventi, per la festa a La Restuccia ingresso libero su registrazione, https://link.dice.fm/MSPUGyPt2qb). Info: capriolacapriola@gmail.com; il programma giornaliero è disponibile sui social @capriolacapriola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA