Brindisi, si celebra la morte di Virgilio. E la casa (privata) apre le porte

Brindisi, si celebra la morte di Virgilio. E la casa (privata) apre le porte
di Francesco TRINCHERA
4 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Settembre 2022, 20:53 - Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 08:34

Un viaggio ai tempi di Virgilio ricordando il giorno della sua morte, passando anche (in via eccezionale) da quella che viene indicata come la sua ultima casa. Il Gruppo archeologico brindisino, associazione che si occupa di recupero e tutela del patrimonio storico ha infatti annunciato di aver organizzato una manifestazione (inserita anche nel calendario “Sea Brindisi” del Comune) per commemorare la data del 21 settembre, in cui, secondo le cronache del tempo, l’autore dell’Eneide morì a Brindisi (era il 19 avanti Cristo ed il poeta mantovano aveva da poco completato la sua opera più famosa), in una casa adiacente alle colonne poste in cima alla scalinata che ne porta il nome. Per poter partecipare all’iniziativa (che avrà un orario previsto tra le 17 e le 19) si potrà prenotare attraverso un apposito form. 

La visita guidata

Si tratta di una consuetudine per il Gruppo, che già da diversi anni organizza questo tipo di manifestazione nella giornata in cui è venuto a mancare il famoso poeta. L’idea più generale di questa manifestazione, comunque, è quella di mettere in campo una visita guidata esperienziale che ripercorrerà, idealmente, le tracce della Brindisi romana, con partenza in piazzetta Vittorio Emanuele.
Da lì il corteo si snoderà in più tappe, percorrendo un tragitto tra monumenti, reperti e rimanenze, che «permette di ricostruire – è spiegato dagli stessi organizzatori - il passato glorioso di Brundisium, in uno dei suoi momenti di massima fioritura e di massimo splendore architettonico e culturale». 

Più nel dettaglio, sempre secondo quanto si apprende dalla descrizione dell’evento, «la visita guidata indagherà la storia e le curiosità della Brindisi romana nascosta fra le strade del centro storico e i tesori custoditi nel museo archeologico Francesco Ribezzo» per poi recarsi per una visita alla casa di Virgilio.

L'idea di utilizzare un busto di Virgilio

Una volta che questa sarà completata, la sezione dei rievocatori storici, indossando un abito storico ricostruito sulla base delle risultanze di quel periodo, «accompagneranno i partecipanti in un’esperienza immersiva ed evocativa» anche con dei banchetti didattici. Danny Vitale del Gab ha aggiunto che tra le idee lanciate anche quella di utilizzare, nel corso dell’evento, anche un busto dello stesso Virgilio che ne ricrea le fattezze ed è stato realizzato per l’occasione. 
Proprio in merito a quella che è ritenuta l’abitazione del famoso autore mantovano, negli ultimi tempi è stata avviata un’interlocuzione tra Comune, con l’assessore al Turismo Emma Taveri, e proprietari, ovvero la famiglia Petrachi–Nozzoli (lo stabile è infatti privato), allo scopo di capire se si può pensare ad aprire la casa ai visitatori, compatibilmente con le esigenze dei privati stessi. Tra le varie ipotesi che sono sul campo, quella di organizzare delle visite guidate a cadenza mensile, promosse dall’amministrazione comunale. Il tutto, lasciando comunque uno spazio a manifestazioni di altro tipo come quella che si svolgerà nella giornata del 21 settembre, che attraverso guide qualificate possa essere un’ulteriore occasione per scoprire questo attrattore culturale. Per adesso sono ancora in corso le interlocuzioni tra le parti ed una volta terminate si potrà mettere in campo tutta la procedura amministrativa necessaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA