Micidiale fungo nero legato alla variante indiana di Covid-19: ecco cosa sta succedendo

Venerdì 4 Giugno 2021
Micidiale fungo nero legato alla variante indiana di Covid-19: ecco cosa sta succedendo

Un micidiale fungo nero, che sarebbe legato al Covid, sta causando diversi decessi in India e pare si stia diffondendo anche in altri paesi. L'India sta affrontando un'epidemia di infezioni da funghi neri e alcuni pazienti hanno dovuto rimuovere gli occhi per poter guarire.

 

Leggi anche > Coronavirus nato in laboratorio a Wuhan, Fauci chiede alla Cina 9 cartelle cliniche

 

Il "fungo nero", o mucormicosi, è causato dalla muffa, che si trova comunemente nel suolo, nelle piante e nei rifiuti animali. Attacca occhi, naso e cervello e nel 50% dei casi di rivela letale. L'infezione è normalmente molto rara, ma l'India ha registrato quasi 9.000 casi, principalmente in pazienti Covid-19 guariti e in via di guarigione. I sintomi principali sono annerimento o scolorimento del naso, visione offuscata o doppia, dolore toracico, difficoltà respiratorie e tosse con sangue. I medici ritengono che ci sia un legame con gli steroidi usati per curare il coronavirus, che sopprimono il sistema immunitario, e affermano che i diabetici sono particolarmente a rischio.

 

Dall'India il fungo si sta diffondendo anche in altri paesi e per ora è stato rilevato un caso in Cile e un altro in Uruguay. Intanto la situazione in India sembra diventare sempre più critica, oltre al problema della variante di Covid si aggiunge quest'altra infezione. Come se non bastasse la fornitura nazionale di amfotericina B, il miglior antimicotico per il trattamento del fungo nero, sta per esaurirsi, suscitando richieste al governo di limitare il trattamento a coloro che hanno maggiori probabilità di sopravvivere.

Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 08:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA