Coronavirus nato in laboratorio a Wuhan, Fauci chiede alla Cina 9 cartelle cliniche

Venerdì 4 Giugno 2021

Il principale infettivologo Usa, Anthony Fauci, ha chiesto alla Cina le cartelle cliniche di nove persone i cui disturbi potrebbero essere una prova che il Covid-19 sia fuggito dal laboratorio di Wuhan. Lo riporta il Financial Times.

 

Covid in Italia, Rt ancora in calo a 0,68. Quattro Regioni verso la zona bianca

 

«Vorrei vedere le cartelle cliniche delle persone che si sono ammalate nel 2019. Si sono davvero ammalate e, in tal caso, di cosa si sono ammalate?», ha detto il medico riferendosi ai ricercatori di Wuhan. L'infettivologo ha ribadito più volte comunque, l'ultima ieri in un'intervista alla Cnn, di ritenere che il coronavirus sia stato trasmesso all'uomo per la prima volta dagli animali. «Altamente improbabile» ha definito la teoria che il virus sia stato deliberatamente fatto 'scappare' da un laboratorio cinese per infettare la popolazione. «L'idea che i cinesi abbiano messo a punto qualcosa di simile che potesse uccidere la loro popolazione e altre è davvero esagerata», ha dichiarato alla Cnn.

 

Virus sfuggito da laboratorio, l'ipotesi da escludere

 

Francis Collins, direttore dell' Istituto Nazionale della Salute Usa (NIH) - che include anche l'Istituto della malattie infettive guidato da Anthony Fauci - è convinto che sia «necessaria una investigazione a tutto campo, condotta da esperti specializzati sull'origine del covid». In una serie di interviste, Collins ha osservato che «non è mai stata esclusa adeguatamente la possibilità che il virus fosse allo studio del laboratorio di Wuhan, e come risultato di un incidente abbia finito per raggiungere gli abitanti della città ed il resto del mondo». Per lo scienziato, è probabile che il virus abbia seguito un sentiero di trasmissione di cui non sono ancora stati individuati tutti passaggi, passando da un pipistrello, ad un altro animale, alle persone: «Ma una indagine oggettiva ed esaustiva in cui viene concesso pieno accesso a tutte le informazioni sugli eventi accaduti a Wuhan nell' autunno del 2019, in cui il governo cinese fornisca risposte alle domande pertinenti, è fondamentale. Anzi sarebbe dovuto succedere immediatamente ma è frustrante che non sia stato così, e non lo sia». 

Ultimo aggiornamento: 10:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA