Bufera sul concorso dei vigili urbani: sequestri e perquisizioni. Ex sindaco tra i cinque indagati

Sabato 9 Gennaio 2021 di Roberta Grassi

VILLA CASTELLI - Per ipotesi di falso, abuso d’ufficio e rivelazione del segreto d’ufficio relativamente allo svolgimento di un concorso per vigili urbani bandito a Villa Castelli (Brindisi), le cui tracce sarebbero state rivelate in anticipo ad alcuni candidati, sono indagate cinque persone nei confronti delle quali sono state eseguite perquisizioni e sequestri. 
Si tratta di Vitantonio Caliandro, ex sindaco e oggi consigliere comunale, Nicolangelo Zurlo (avvocato di Ostuni ed ex vice sindaco della Città bianca), coinvolto in quanto presidente della commissione giudicatrice, Jessica Pezzolla, Cosimo Palmisano e Francesco Muolo, membri della stessa commissione. 
Secondo quanto emerso dalle indagini condotte dai poliziotti della squadra mobile e coordinate dal pm Pierpaolo Montinaro, due candidati avrebbero anticipatamente ricevuto le tracce delle prove scritte e le domande per le prove orali, classificandosi alla fine della procedura al primo e al quarto posto della graduatoria. Il concorso risale al 2019, nessuno dei vincitori è entrato in servizio. Nel corso delle perquisizioni è stato sequestrato materiale cartaceo e informatico su cui è in corso una consulenza di parte.

Ultimo aggiornamento: 18:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA