Campi per il basket da strada nei quartieri della città: affidati i lavori. Via i cantieri. Ecco dove

Street basket
Street basket
di Francesco TRINCHERA
4 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Gennaio 2023, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 06:55

Si compie uno degli ultimi passaggi per dare una casa al basket da strada in alcuni quartieri della città di Brindisi, grazie ad una serie playground che saranno realizzati in varie zone del capoluogo.

L'azienda che si occuperà dei lavori

Il Comune, infatti, ha proceduto (attraverso un determina dirigenziale) con la rettifica dell’aggiudicazione per tre impianti che saranno creati ai quartieri Minnuta, La Rosa e Perrino. Sarà la Ciesse Costruzioni di Copertino, quindi, l’incaricata di realizzare l’opera a cui palazzo di città aveva destinato, complessivamente, 168mila euro.
Il progetto riguarda nel suo complesso, in una prima fase, cinque rioni: oltre ai tre già citati, infatti, ci sono anche Commenda e Sant’Elia. Per ogni nuovo campo è prevista la sistemazione di aree verdi pubbliche per la creazione dei campi di basket che, soprattutto negli Stati Uniti, rappresentano un luogo di richiamo per gli appassionati, che possono giocare a pallacanestro all’aperto in zone urbane. Più nel dettaglio le aree individuate per questi tre playground sono quelle di via Crati (Perrino), via delle Ortensie–via degli Aceri (La Rosa), via del Lavoro (Minnuta). Ognuna delle zone scelte avrà la struttura da basket inserita in una più ampia area verde, che a seconda del quartiere avrà un’estensione variabile. Nelle intenzioni dell’amministrazione comunale, anche la volontà di creare un impianto di “basket da strada” in ogni zona della città. 

Le differenze tra i vari campetti

Su via Crati, innanzitutto, è previsto un campo da due canestri, con misure da 15 metri per 28: attorno a questa struttura ci saranno un’area di allenamento per gli adulti ed un’area gioco per bambini, all’interno delle quali saranno posizionati arredi come una trave con anelli, una scala orizzontale ed una panca obliqua, così come una giostra rotonda, un tunnel in legno, giochi su molla ed uno scivolo. Dimensioni del campo che sono confermate anche per il campo nel quartiere La Rosa, anch’esso adiacente da aree riservate all’allenamento degli adulti ed al gioco dei bambini, con lo stesso tipo di attrezzature (a cui si aggiunge anche un asse di equilibrio in legno). Per quel che riguarda la Minnuta, anche qui rimangono invariate le dimensioni del playground, che come gli altri è circondato da zone per l’allenamento di adulti e per il gioco dei bambini. Si conoscono anche i dettagli relativi agli altri campi, come nel caso del quartiere Commenda, per il quale è stata scelta la zona di piazza Apulia: lì ci sarà un playground di dimensioni di 15 metri per 11, con un solo canestro ed adatto per sfide tre contro tre, circondato da una zona in ghiaia di fiume ed a cui sarà affiancata un’area riservata ai più piccoli su tappeto erboso, all’interno della quale ci sarà un’altalena con doppia seduta ed una sartia per arrampicata. Secondo la progettualità su Sant’Elia, invece, la struttura dovrebbe ricalcare grosso modo quella di Minnuta, La Rosa e Perrino. La realizzazione di questo playground nel quartiere periferico, però, ha dovuto tenere conto anche dell’abbattimento di un rudere già esistente: l’area scelta, quella di via Leonardo da Vinci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA