Bianche o beige? No, grazie. Nella comune delle galline l'uovo è multicolor: «Il segreto è la felicità»

Venerdì 21 Febbraio 2020 di Mariateresa LANZILLOTTI

È nata a Ceglie Messapica la prima “casa delle galline felici”. Agronomo lui, veterinaria lei, la coppia ha popolato il proprio giardino di 10 razze diverse di galline che vivono libere e producono uova variopinte. «Viviamo in simbiosi con loro, si possono produrre uova in modo sostenibile» raccontano. Sono Angelo Giordano e Isabella Ciracì, marito e moglie. Da anni lui rintraccia semi antichi dalla straordinaria biodiversità, e produce ortaggi e legumi in modo naturale, lei salva gli animali. 
 

 

Da qualche tempo a questa parte, l’agronomo si è lanciato a capofitto in un nuovo progetto, il sogno della sua Isa. I due hanno rintracciato galline e galli di 10 razze diverse e dedicato loro un vasto spazio all’interno della loro azienda agricola. «L’industria ha determinato che vengano allevate solo due razze di galline, la Livornese e la Isa Brown – racconta Isa -, ciò per avere un’omologazione di prodotto. Noi volevamo fare altro, alla richiesta di uova che è stata avanzata ad Angelo da un’azienda con la quale collabora, abbiamo deciso di rispondere in modo sostenibile sia dal punto di vista ambientale, sia da quello etico».

Brindisi, il gallo di quartiere che divide la piazza coi cani
Macellazione? No, grazie. Nel Salento la casa di riposo per galline vecchie che piace agli chef
Uccio e le sue ragazze: l’amore a sei zampe

Il tarlo della coppia è quello di segnare la strada affinché chi gli sta attorno assuma uno stile di vita che rispetti tanto la Terra, quanto gli uomini e gli animali.  «Abbiamo deciso di impegnarci anche su questo fronte, tenendoci ben lontani dal concetto di allevamento e sposando l’idea di una casa felice per le galline – raccontano Isa ed Angelo -, Il mercato delle uova è folle, gli animali vengono costretti a vivere in uno spazio che non va oltre quello di un foglio A4, vengono ingrassati con mangimi che spingono la produzione di uova e costretti alla luce artificiale fino a 16 ore al giorno per ingannare il loro ciclo di vita naturale e farli produrre, i pulcini maschi vengono triturati e dati in pasto agli altri animali».

Gli esemplari della coppia, ormai 50 tra femmine e maschi, scorrazzano tutto il giorno in un grande giardino e rientrano nelle loro casette con trespoli, a sera. Vengono nutriti con cibi naturali che integrano gli insetti che si procacciano da soli. Sono liberi di comportarsi da animali, volano. Quindi, non subendo stress, non si ammalano e non assumono farmaci. Accudiscono i loro pulcini. Fanno coppia, così come fanno gli altri animali. «Le nostre galline sono libere di essere galline, non sono macchine che producono uova – spiegano Isa ed Angelo -, negli allevamenti, costretti all’immobilità, perdono del tutto la loro natura, persino l’istinto alla cova. I nostri accudiscono i loro piccoli come farebbe un cane. Nell’industria viene loro tagliato il becco, perché a causa dello stress si feriscono a vicenda. I nostri animali, invece, sono felici e vivono in comunità. Noi non uccidiamo i pulcini maschi e le galline arrivate ad appena 2 anni di vita, come fanno negli allevamenti, qui da noi, moriranno di vecchiaia». E il risultato di tanto impegno sono uova di diversi colori, la pigmentazione infatti dipende dalla razza dei produttori, uova grandi e che non contengono tracce di farmaci.

«Le nostre galline producono meno uova di quelle sfruttate negli allevamenti – dicono Isa e Angelo -, a fronte delle 300 annue, loro ne producono 100, Ciò perché le galline producono uova solo nel ‘periodo positivo’, quello della luce, da fine gennaio ad ottobre. A differenza di quelle usate nelle industrie, tenute sotto le lampade per produrre, loro seguono la natura e le uova sono grandi e sane». Verrebbe da chiedersi se tale comportamento oltreché ecosostenibile ed etico sia anche economicamente vantaggioso.

«Sì – spiegano Isa ed Angelo -, perché non abbiamo consumi energetici, non spendiamo in farmaci, non sprechiamo risorse alimentari. Guadagniamo di più di un qualsiasi ovicoltore di piccola scala e lo facciamo senza uccidere e maltrattare. Non solo, abbiamo molta più richiesta di quella che riusciamo a soddisfare». La famiglia delle galline felici continua a crescere e, ora, l’idea della coppia è quella di esportare il modello di ovicoltura etica ideato. 

Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio, 08:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA