Più voli tra Brindisi e Roma: «Da agosto si raddoppia»

Più voli tra Brindisi e Roma: «Da agosto si raddoppia»
di Oronzo MARTUCCI
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Giugno 2021, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 19:26

Gli investimenti effettuati da Ryanair per potenziare la presenza sullo scalo di Roma-Fiumicino avranno ripercussioni positive anche sulla Puglia, grazie a un nuovo collegamento giornaliero che si aggiunge a quello già esistente con l’aeroporto di Brindisi, a partire dal primo agosto, e a 2 ulteriori collegamenti per 5 giorni a settimana con l’aeroporto di Bari. Non è molto, perché la crisi di Alitalia continua a rendere difficili i collegamenti tra il Sud della Puglia e la capitale e a provocare disagi, ma le nuove rotte aggiuntive del vettore irlandese in piena estate vanno considerate in modo positivo.
L’annuncio delle nuove rotte è stato dato ieri da Ryanair che su Roma Fiumicino ha aggiunto tre aeromobili, le quali permetteranno di rendere operative sei nuove rotte e oltre 65 voli settimanali verso una serie di destinazioni nazionali e internazionali. 
«L’obiettivo è quello di contribuire alla ripresa del settore turistico con un ruolo chiave nella ripresa dei posti di lavoro e dell’economia locale», ha spiegato Jason McGuinness, direttore commerciale Ryanair. «I tre nuovi aerei rappresentano un investimento di 300 milioni di dollari, che porta il totale dell’impegno del gruppo nel nostro paese a 8 miliardi (per 80 aeromobili) con un impatto occupazionale aggiuntivo - per Fiumicino - stimato fino a 180 posti di lavoro diretti e oltre 2.200 posti nell’indotto».
Attualmente Ryanair garantisce da Brindisi, oltre al collegamento del mattino con la Capitale, quello con Bologna (un collegamento al giorno), con Bruxelles, Cagliari Elmas, Francoforte, (dal 19 si aggiungerà Eindhoven), Londra Stansted, Memmingen, Bergamo Orio al Serio, Milano Malpensa, Palermo, Pisa, Torino Caselle, Venezia Marco Polo, Verona Villafranca. Sulle rotte nazionali vi sono altri vettori che garantiscono i collegamenti. Wizz Air collega Brindisi con Bologna, Milano Malpensa e Pisa. Alitalia vola anche in direzione di Milano-Linate, dopo un blocco che è durato mesi anche a seguito di lavoro sullo scalo lombardo. Alba.Star.es collega l’Aeroporto del Salento con Trapani due volte a settimana e Volotea una volta a settimana con Venezia-Marco Polo.

Resta confermata, per quanto riguarda i collegamenti con l’estero, l’ampia offerta relativa alla Svizzera. Un volo di EasyJet è già operativo sulla rotta Brindisi Basilea-Mulhouse-Friburgo (3 volte a settimana). Sempre EasyJet dal 6 ha attivato il collegamento con Ginevra-Cointrin e dal 4 giugno Swiss opera sulla tratta per Zurigo. 

Le prospettive

I vettori conoscono bene il mercato turistico e l’appeal che il sud della Puglia ha verso gli elvetici. Molti turisti elvetici sono collegati al Salento, loro luogo di nascita o dei genitori. In ogni caso si tratta di una fascia molto ampia. Nel 2020, nonostante la pandemia abbia ridotto al minimo gli arrivi dall’estero, in Puglia la Svizzera ha fatto registrare 35.680 arrivi e 155.799 pernottamenti (presenze). Gli arrivi sono stati 19.731 nelle strutture alberghiere e 15.949 in quelle extra alberghiere (tipo case vacanza e campeggi), con 85.263 presenze nelle strutture alberghiere e 70.536 in quelle extra alberghiere. Solo i tedeschi (303.7982) hanno superato nel 2020 per numero di presenze i turisti provenienti dalla Svizzera, con la differenza che la popolazione tedesca è circa 10 volte quella della Svizzera e che i turisti tedeschi si distribuiscono lungo tutta la Puglia, mentre gli elvetici scelgono prevalentemente il Salento. Nel 2019 su 4 milioni circa di turisti stranieri, gli elvetici avevano rappresentato l’8 per cento circa di presenze (320 mila circa), i tedeschi il 22 per cento (quasi un milione). Nel 2020, causa pandemia, i tedeschi si sono ridotti a un terzo, gli elvetici alla metà. Si tratta di numeri che i vettori sanno leggere, tant’è che hanno già tre collegamenti operativi tra la Svizzera e lo scalo di Brindisi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA