Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Blitz della Finanza negli oleifici: controlli in Puglia, piccole irregolarità in tre aziende

Blitz della Finanza negli oleifici: controlli in Puglia, piccole irregolarità in tre aziende
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Maggio 2022, 17:27 - Ultimo aggiornamento: 19:36

Olio spacciato per extravergine e in realtà di qualità inferiore: sono 183 le aziende finite nella tornata di controlli svolti dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’operazione “Verum et Oleum” a tutela della produzione nazionale di olio extravergine d’oliva.

I finanzieri del Nucleo Speciale Beni e Servizi e gli ispettori del Dipartimento ICQRF del Ministero delle politiche agricole e forestali hanno effettuato ben 183 ispezioni in altrettante aziende del settore oleario presenti in tutto il territorio nazionale e verso i principali porti di ingresso delle materie prime di provenienza estera. Tre le aziende pugliesi ispezionate, a Fasano, Corato e Bitonto. Riscontrate irregolarità amministrative ma nessun rilievo sulla qualità dell'olio.

Lotta alla contraffazione: accordo tra Comune e Agenzia delle Dogane

I campioni irregolari

Il 27,2% dei campioni prelevati è risultato irregolare, per complessivi 2.300.000 litri di olio non conformi alla normativa comunitaria e nazionale. Dei 102 campioni prelevati e sottoposti ad analisi, 25 sono risultati irregolari per qualità inferiore al dichiarato ossia per olio qualificato come extravergine di oliva, ma in realtà rilevato dalle analisi come vergine. In conseguenza, 10 persone sono state denunciate alle competenti Procure della Repubblica e sottoposte ad indagini preliminari per l’ipotesi di reato di frode in commercio. 

Per quanto concerne la Puglia sono stati complessivamente tre gli operatori, due nel Barese e uno nel Brindisino, sottoposti a controlli: in due casi sono emerse irregolarità amministrative con profili di rilevanza penale, mentre in un caso sono state contestate solo sanzioni amministrative. In provincia di Bari le Fiamme Gialle sono state a Corato e Bitonto mentre in provincia di Brindisi a Fasano. In queste aziende non sono risultate irregolari le analisi effettuate sull’olio extravergine.

Maxi frode su sostegni covid, recuperato il 97% della truffa

Le violazioni amministrative

Inoltre, nel corso delle ispezioni sono state contestate 33 violazioni amministrative relative alla tenuta dei registri, alla compilazione della documentazione obbligatoria ed al mantenimento del requisito di tracciabilità, per un importo complessivo di oltre 10.000.000 di euro destinati al gettito erariale, sono state comminate 5 diffide ad adempiere alle disposizioni dell’autorità per la regolarizzazione e sono stati eseguiti 5 sequestri amministrativi, per un valore complessivo di oltre 170.000 euro. L’operazione si inserisce nel contesto delle attività svolte da Guardia di Finanza e ICQRF sulla base del protocollo di collaborazione sottoscritto a luglio 2020 a contrasto alle frodi ed alla contraffazione nel settore agroalimentare, a tutela della produzione nazionale, degli interessi dei consumatori e dei mercati nonché degli interessi economici e finanziari dello Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA