Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salento, il professore invia un libro a Macron. Il presidente francese gli risponde: «Gentile, la ringrazio»

Salento, il professore invia un libro a Macron. Il presidente francese gli risponde: «Gentile, la ringrazio»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Maggio 2022, 09:27 - Ultimo aggiornamento: 16:38

«Sei stato così gentile ad inviarmi una copia del tuo libro, ti ringrazio molto». Poche righe, arrivate per posta ordinaria, a firma dal presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron. A ricevere la missiva, tra lo stupore generale, il professore Mimmo Tardio che nel gennaio del 2015, dopo l'attentato terroristico al giornale satirico Charlie Hebdo, propose all'Unesco di Brindisi, di realizzare un evento che ricordasse la tragedia costata la vita a dodici persone e nella quale rimasero ferite altri undici persone.

Il professore Tardio


«Non avrei mai immaginato - afferma soddisfatto il professore Tardio - di ricevere una risposta direttamente dal presidente Macroon. Nel 2015 Tardio, consigliere ed attualmente responsabile per la Cultura per l'Unesco, propose al club di realizzare un evento che ricordasse il tragico attentato al giornale satirico francese Charlie Ebdo, avvenuto il 7 gennaio dello stesso anno.
«Decisi di adattare - aggiunge Tardio - un monologo che stavo scrivendo, Douce France, legandolo anche al ricordo della tragedia del giornale francese e così nel titolo misi Je suis Charlie, che fu lo slogan che nel mondo libero si adottò per richiamare quelle morti e poi Douce France.
È motivo di orgoglio per me che il presidente francese Emmanuel Macron mi abbia scritto per ringraziarmi. Poche settimane prima era arrivata anche la risposta dall'Ambasciata francese con sede a Roma. E' bello che tutto ciò avvenga proprio nel momento in cui tra i due Stati e popoli sembra essersi rinsaldata la lunga amicizia e vicinanza».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA