Incidente stradale sulla statale, tir travolge auto incolonnate: due morti

Incidente stradale sulla statale, tir travolge auto incolonnate: due morti
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Novembre 2022, 12:24 - Ultimo aggiornamento: 23:20

Due persone sono morte a seguito di un incidente che si è verificato in tarda mattinata lungo la strada che collega Bari a Brindisi, all'altezza di Torre Guaceto. Lo schianto avrebbe coinvolto due auto - una Jeep Compass e una Peugeot 3008 - e due furgoni. Un'altra persona sarebbe rimasta ferita. Traffico in tilt per ore: solo intorno alle 15.30 la strada è stata riaperta al traffico, deviato per consentire la rimozione dei mezzi e il soccorso. 

Le vittime

Due le vittime, una coppia che viaggiava a bordo della Peugeot. Si tratta di Antonio Vantaggiato, fabbro 49enne di Cavallino, in provincia di Lecce, ma residente a Castromediano. La donna è Serena Loprieno, originaria di Martina Franca, in provincia di Taranto, ma residente a Lecce. Secondo una prima ricostruzione, pare che ci fosse già un incidente e che per questo motivo le auto erano incolonnate. Sarebbe sopraggiunto quindi un tir che non ha frenato in tempo e ha schiacciato la Peugeot 3008 con a bordo i due, entrambi di 49 anni. Ferito anche il conducente della Jeep Compass e il conducente dell'autotreno, un cittadino bulgaro. Rilievi della polizia stradale di Brindisi.

Per consentire la rimozione dei mezzi, il traffico è stato deviato lungo la viabilità di servizio adiacente tramite lo svincolo di “Litoranea Apani - Punta Penne”. La circolazione è stata interrotta nella carreggiata direzione Nord per permettere ai vigili del fuoco di recuperare i corpi delle due vittime, rimasti incastrati tra le lamiere. Sul posto sono presenti anche le squadre Anas e le Forze dell’Ordine per la gestione del traffico: nel pomeriggio la carreggiata della statale 379, a Brindisi, è stata riaperta al traffico

 
Video

Il sindaco di Cavallino

Grande dolore a Castromediano per la tragica morte di Antonio e la compagna Serena. La famiglia Vantaggiato a Castromediano è conosciuta e stimata da tutti. Antonio, che di professione faceva il fabbro presso un’azienda, era un ragazzo educato e buono, sorridente e sempre gentile con tutti. Aveva incontrato Serena, l’amore della sua vita, qualche anno fa e con lei conviveva a Lecce. 
«L’amministrazione comunale e le comunità di Cavallino e Castromediano si stringono  alle famiglie per la prematura perdita di Antonio e Serena – commenta il sindaco Bruno Ciccarese -  queste notizie lasciano in tutti noi sempre tanta amarezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA