«C'è una sparatoria». Ma era uno scherzo: due giovani denunciati

La piazzetta dove sorge lo skate park
La piazzetta dove sorge lo skate park
di Eliseo ZANZARELLI
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Aprile 2022, 17:38 - Ultimo aggiornamento: 17:51

Una reale emergenza? Niente affatto: uno scherzo telefonico di pessimo gusto, per giunta a due numeri di emergenza. Due giovani sono stati denunciati per procurato allarme e interruzione di pubblico servizio, giacché alle loro fandonie le forze dell’ordine e il servizio di emergenza sanitaria avevano finito per crederci. Cos’è successo? È presto detto: nella tarda serata di mercoledì 27 aprile squillano quasi in contemporanea i numeri di pronto intervento 113 e 118. Dall’altra parte del telefono, voci concitate annunciano nientemeno che una sparatoria in corso in viale Abbadessa, quartiere San Lorenzo di Francavilla Fontana, nel punto in cui sorge uno skate park piuttosto frequentato quotidianamente, sia di giorno che a sera, da ragazzini e ragazzine. Si è proprio fatto cenno a una “sparatoria” senza ulteriori particolari. 

Minaccia il figlio ludopatico con l'ascia: «Smettila di buttare i soldi o ti ammazzo»

La corsa sul posto

I carabinieri in forza alla compagnia della Città degli Imperiali e un’autoambulanza del soccorso sanitario partono a tutta velocità e a sirene spiegate alla volta del punto indicato, facendosi largo per il centro abitato. L’arrivo in quella che viene anche definita come Zona 167 è tempestivo, pressoché immediato. Soltanto che, quando militari e soccorritori raggiungono lo skate park, si rendono ben presto conto di come non vi fossero né l’atmosfera né le tracce di una sparatoria, né in corso né cessata da poco. I carabinieri, allora, decidono di andare a fondo alla questione e avviano tutta una serie di accertamenti per risalire agli autori delle telefonate di poco prima.

Le indagini e la denuncia

I numeri chiamanti erano stati regolarmente e da prassi registrati dalle sale operative. Dopo averli acquisiti, gli investigatori sono riusciti a stretto giro a identificare i presunti autori della burla, raggiunti e trasferiti in caserma per la formalizzazione della denuncia a loro carico: procurato allarme e interruzione di pubblico servizio

© RIPRODUZIONE RISERVATA