Baby gang a Francavilla: due denunce dopo l'aggressione in piazza di un minore

Baby gang a Francavilla: due denunce dopo l'aggressione in piazza di un minore
di Eliseo ZANZARELLI
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Novembre 2022, 10:18 - Ultimo aggiornamento: 10:28

Primi indagati per la violenta aggressione in piazza, nel cuore della movida della città degli Imperiali. I Carabinieri di Francavilla Fontana hanno infatti denunciato in stato di libertà due 19enni, uno dei quali ritenuto responsabile delle lesioni personali inferte al 17enne di Sava nella tarda serata del  22 ottobre scorso nel centro storico di Francavilla. L'attività di indagine ha consentito di raccogliere elementi a carico dei due e di ricostruire dettagliatamente la vicenda. Quella sera, i carabinieri del Comando Compagnia di Francavilla furono allertati a causa di un’aggressione che si era appena verificata tra Piazza Dante e Piazza Umberto I, allorquando un 17enne incensurato, proveniente dalla provincia di Taranto, era stato colpito al volto, cadendo al suolo privo di sensi. Il minore, nell’occasione, aveva riportato la frattura dello zigomo sinistro e, in conseguenza della caduta al suolo, anche dell’osso occipitale. Il ragazzo, dopo diversi giorni di ricovero all’Ospedale “Perrino” di Brindisi, è stato poi dimesso con una prognosi di 40 giorni.

Le indagini

I militari dell’Arma, una volta intervenuti ed avere immediatamente avviato le indagini per far luce sul grave episodio, hanno identificato due giovani amici, entrambi 19enni. In particolare, per quanto emerso nel corso degli approfondimenti investigativi dei carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Brindisi, la vicenda è nata da una provocazione attuata da uno dei due 19enni il quale, senza apparenti motivi, aveva dato uno schiaffo alla nuca del 17enne che, preso alla sprovvista, si era girato chiedendo spiegazioni. Tale circostanza avrebbe innescato la reazione dell’altro 19enne che, inspiegabilmente, colpiva il minore con uno pugno al volto, il quale cadeva per terra battendo la testa. Il litigio non avrebbe coinvolto altri giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA