Fasano, ladri senza ritegno: rubati 2.000 euro destinati ai disabili

La sede de La Fontanella
La sede de La Fontanella
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Dicembre 2022, 06:30 - Ultimo aggiornamento: 14:40

Un furto ignobile. Ignoti a Fasano hanno rubato i soldi destinati a finanziare attività per i diversamente abili adulti dell’associazione “La Fontanella”.  I ladri sono entrati, qualche giorno fa, sollevando la saracinesca, nella sede dell’associazione che dal 1995 si occupa di aiutare persone e famiglie che vivono la realtà di diversamente abile in età adulta e si è diretto verso la scrivania nel cui cassetto era custodito un borsello dentro al quale c’erano poco meno di 2000 euro in contanti. 

Donazioni

Offerte che erano state donate al sodalizio per finanziare iniziative in favore delle persone diversamente abili aiutate e assistite dalla Fontanella. Presi i soldi i ladri sono scappati a ritroso seguendo lo stesso itinerario che avevano percorso per entrare nella sede dell’associazione. 
Tutto è filato liscio per i malfattori. Nessuno si è accorto di niente. Solo il mattino successivo, al momento dell’apertura della sede dell’associazione, è stato scoperto il furto.

A quel punto i responsabili del sodalizio hanno telefonato ai carabinieri e hanno chiesto il loro intervento. Il protocollo in questi casi è sempre lo stesso: i militari dell’Arma si sono recati in via Meucci, dove è appunto la sede della “Fontanella”, e hanno effettuato un sopralluogo all’interno e all’esterno dell’immobile alla ricerca di eventuali tracce lasciate dai ladri. E a quanto pare non ne hanno trovate. Con queste premesse non sarà affatto facile per i carabinieri identificare gli autori del furto notturno. Tuttavia le indagini sono solo alle prime battute, gli investigatori sono alle ricerca di indizi per individuare l’arco dell’orario dell’irruzione per cercare impianti di videosorveglianza ed eventuali testimoni.

Il precedente

Un atto che ha lasciato basita la comunità fasanese dato che rubare i soldi destinati a finanziare le attività di persone fragili è davvero da persone ignobili. Un po’ lo stesso discorso fatto per l’incendio appiccato alla casetta di legno utilizzata come front office e biglietteria a Lama del Trappeto di Pezze di Greco per il presepe vivente.
Anche in questo caso si è voluto colpire un sodalizio legato alla parrocchia pezzese. Gente, insomma, che non ha alcuna considerazione dei più deboli. L’esatto contrario di quelli che vengono definiti ladri-gentiluomini. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA