Estorsione e ricettazione con i “cavalli di ritorno” per le auto rubate: arrestato

I carabinieri di Francavilla Fontana
I carabinieri di Francavilla Fontana
2 Minuti di Lettura
Sabato 5 Novembre 2022, 10:34 - Ultimo aggiornamento: 11:08

Nella serata di ieri 4 novembre, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Francavilla Fontana hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Brindisi nei confronti di un 56enne, poiché gravemente indiziato dei reati di tentata estorsione e ricettazione.

Richieste di denaro

Il provvedimento cautelare scaturisce dalle indagini condotte dai militari dell’Arma, sotto la direzione della Procura di Brindisi, in relazione a episodi di furti di auto per i quali l’indagato, minacciando di impedirne il ritrovamento, aveva avanzato ai rispettivi proprietari delle illecite richieste di denaro, mediante la tecnica del cosiddetto “cavallo di ritorno”.

Le denunce ai carabinieri

In un caso aveva preteso il pagamento di 400 euro, in un altro la somma 1.500 euro. Le vittime, senza piegarsi alle richieste estorsive, si sono invece rivolte ai carabinieri che hanno anche recuperato i veicoli rubati. L’indagato si trova ora ristretto al carcere di Brindisi. Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e, all’esecuzione della misura cautelare odierna, seguirà l’interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa dell’indagato, la cui eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA