Due comunità in lutto e nel pomeriggio l'addio all'infermiera

Domenica 1 Dicembre 2019

Cristina PEDE
Si svolgeranno questo pomeriggio alle 15.30 nella chiesa di San Marco e Caterina a Cellino San Marco i funerali della 35enne Tatiana Renna che venerdì pomeriggio ha perso la vita sulla strada provinciale Poggiardo Maglie, investita da un'automobile mentre era in sella alla sua bicicletta.

Investimento ripreso dalle telecamere «Schianto violento e nessuna frenata»

Il feretro della sfortunata ragazza che risiedeva da qualche tempo a Poggiardo è giunto a Cellino ieri pomeriggio, a casa del suo papà, dall'obitorio di Poggiardo dove la salma è rimasta per qualche ora a disposizione della magistratura prima che le onoranze funebri Caputo di San Donaci la traslassero nel suo paese d'origine.
Infermiera travolta e uccisa: l'impatto in un video choc. Positivo all'alcoltest: arrestato il conducente
Nel piccolo comune del Brindisino la ricordano in tanti ma da piccolina, negli anni della sua prima infanzia trascorsa con i genitori; poi si era trasferita a San Donaci e lì era rimasta, con i nonni che adorava. Aveva dedicato la sua giovane vita al lavoro e alla passione per i gatti e per la natura. Alla notizia della sua morte, in tanti a Poggiardo l'hanno ricordata per le lunghe passeggiate in bicicletta che faceva in solitaria, nel suo tempo libero. Una giovane infermiera che aveva terminato gli studi brillantemente per poi trovare occupazione in vari posti; da qualche giorno aveva un nuovo incarico nel Leccese.
Mortale a Poggiardo, infermiera investita in bicicletta
L'unico rammarico per Tatiana era aver dovuto lasciare l'anziana nonna Nunziata che l'aveva cresciuta per parte dell'infanzia e tutta l'adolescenza fino alla fine degli studi. E la nonna era al centro dei suoi pensieri sempre, anche quando era in compagnia dei suoi coetanei che tante volte hanno ascoltato i racconti, gli aneddoti sulla nonna, l'amore e l'attaccamento che avevano l'una per l'altra. Solitaria e schiva, si dedicava con passione alle sue attività e portava brillantemente a compimento ogni obiettivo che si poneva: la ricordano così tutti quelli che l'hanno conosciuta in età adulta. La laurea in Infermieristica era stato un grandissimo traguardo, poi la specialistica e i primi incarichi da infermiera, un lavoro che amava.
Ma la grande passione erano i gatti, specie se randagi e abbandonati. Tatiana aveva un po' di tempo per tutti, ne raccoglieva tanti e li accudiva prendendosi cura anche di tutti quelli che non poteva portare a casa. Amava gli animali in genere. Sul suo profilo Facebook, pochi giorni fa aveva salutato la gazza ladra che è stata sua compagna di giochi fin da ragazzina, a casa della nonna. Della famiglia raccontava la semplicità con la quale era stata cresciuta. Amava circondarsi di persone altrettanto semplici o semplicemente dei suoi gatti. Le lunghe passeggiate in bici a contatto con la natura erano il suo quotidiano. Stava rientrando da una di queste pedalate venerdì scorso, quando ha trovato la morte. Lo schianto con l'auto non ha lasciato scampo alla giovane donna, deceduta prima dell'arrivo dei soccorsi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 10:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA