Il maltempo aiuta Brindisi: la Deliziosa si ferma in porto, oltre mille passeggeri in giro per la città

Venerdì 8 Ottobre 2021 di Francesco RIBEZZO PICCININ
La Costa Deliziosa durante l'approdo a Costa Morena

Si è rivelato un felice episodio, per Brindisi, il maltempo che si è abbattuto su entrambe le sponde dell’Adriatico. Ieri, infatti, la Costa Deliziosa, che avrebbe dovuto fare scalo a Corfù, è stata costretta a fermarsi nel capoluogo messapico. E per la città è stata una fortuna, dal punto di vista dell’immagine turistica, considerato che sono stati molti i crocieristi che hanno scelto la visita del centro storico di Brindisi.

A darne notizia dal proprio profilo social è stata l’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale. “Il porto di Brindisi - si legge infatti sulla pagina Facebook dell’Authority - si conferma scalo sicuro, attrezzato e ben infrastrutturato. A causa delle avverse condizioni meteorologiche, infatti, Costa Crociere ci ha scelto come porto in cui far scalare Costa Deliziosa, preferendo Brindisi allo scalo previsto nel porto di Corfù. Abbiamo avviato tutta la macchina organizzativa, ed eccola qui. La nave da crociera è arrivata questa mattina (ieri per chi legge, ndr) alle 8.00 e alle 8.30 sono terminate le operazioni di ormeggio, presso la banchina di Costa Morena est, Testata nord. A bordo, 1.128 passeggeri, di cui 1.124 in escursione. 897 sono i componenti dell’equipaggio. La nave mollerà gli ormeggi alle 18.00, alla volta del porto di Bari”.

Le visite

Dei 1.124 passeggeri in escursione, ben sette pullman, tra mattina e pomeriggio, hanno trasportato chi ha scelto la visita a Brindisi, con focus sul centro storico alla scoperta degli scavi di San Pietro degli Schiavoni, del duomo, delle colonne romane ed in generale delle principali attrattive storiche, architettoniche e paesaggistiche della città. E se, da un lato, l’Autorità di sistema si è occupata di tutte le questioni logistiche relative all’ormeggio della nave ed al trasferimento dei passeggeri, il Comune dal canto suo ha coordinato, in particolare tramite la Fondazione Nuovo Teatro Verdi, le aperture dei beni da visitare, facendo in modo che tutti gli orari coincidessero ed i crocieristi non si trovassero di fronte a porte chiuse. La fortuita presenza in città della Costa Deliziosa è andata a compensare l’assenza, sabato scorso, della Azamara Journey, che sarebbe dovuta arrivare alle 13 e ripartire alle 20. Resta confermato, invece, l’ultimo appuntamento della stagione 2021, giovedì 14, quando farà scalo a Brindisi la Azamara Quest, che arriverà alle 8 e ripartirà alle 18. In questo modo, si chiuderà la stagione crocieristica 2021. Una stagione a dire poco anomala, iniziata solo alla fine di agosto, proseguita a settembre con due scali della Msc Splendida e conclusa con una delle navi della flotta Azamara Cruises. E che ha potuto prendere il via solo grazie alla realizzazione del terminal - fondamentale principalmente, in questo periodo storico, per l’esecuzione di tutti i controlli anti-Covid - provvisorio a Costa Morena Est, dopo una lunga battaglia burocratica avviata dall’Autorità di sistema. Ma le prospettive per il 2022 sembrano decisamente rosee, anche alla luce dell’incontro tenuto nei giorni scorsi a Ginevra dal presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale Ugo Patroni Griffi. «È andata molto bene. Ci sono - commenta - numeri molto interessanti rispetto alle previsioni 2022 a Brindisi. Stiamo parlando di 100mila passeggeri tra imbarchi, sbarchi e transiti, su 23 scali previsti solo da Msc. Naturalmente, ci chiedono di migliorare ulteriormente la stazione marittima monoblocco. Poi abbiamo parlato della linea luxury che stanno per lanciare e per la quale ritengono ideali i nostri porti, compreso quello di Brindisi. E infine hanno dimostrato grande interesse per Brindisi in termini di traffico commerciale, in particolare per l’ara di Capobianco».

Ultimo aggiornamento: 21:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA