Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cinquanta immigrati stipati in un alloggio al freddo e senz'acqua

Cinquanta immigrati stipati in un alloggio al freddo e senz'acqua
1 Minuto di Lettura
Venerdì 15 Febbraio 2019, 20:10 - Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio, 13:38
BRINDISI - Cinquanta migranti africani vivevano “stipati” all’interno di una struttura fatiscente di via Provinciale per San Vito: sei appartamenti e alcuni box con carenze igienico sanitarie terribili, privi di riscaldamento e acqua corrente. Nel variegato gruppo etnico, il blitz dei carabinieri della Compagnia di Brindisi (organizzato con l’ausilio delle Unità cinofile di Modugno (Bari) per monitorare luoghi in cui è alta la presenza di migranti di religione islamica) ha permesso di scoprire sei clandestini e due persone in possesso di droga. In flagranza di reato, per detenzione illegale di sostanza stupefacente, è stato arrestato il nigeriano John Nosa, di 32 anni. Incensurato e irregolare sul territorio nazionale.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA