Un “centro risvegli” dedicato alle persone in coma: la Regione dice sì e lo finanzia con 9 milioni

Venerdì 4 Giugno 2021 di Maria GIOIA

Via libera al centro risvegli, dedicato alle persone in coma e bisognose di recupero fisico e neurologico. Con un'apposita delibera, infatti, la giunta regionale ha stanziato oltre 9 milioni di euro per la realizzazione del centro risvegli di Ceglie Messapica. Questo vuol dire che non c'è solo il progetto della nuova struttura, ma ci sono anche i soldi. E così, dopo anni di annunci, è molto probabile che il passo verso la creazione della struttura sia breve. A commentare la decisione della giunta del governatore Michele Emiliano di approvare il finanziamento sono stati ieri il consigliere regionale di Fratelli d'Italia all'opposizione, Luigi Caroli, e il componente del collegio degli esperti della presidenza del Consiglio regionale, Tommaso Gioia. Ed entrambi non hanno nascosto l'entusiasmo.
«Con grande soddisfazione, come anticipato pochi giorni fa, a seguito dell'incontro con il direttore generale dell'Asl di Brindisi, Giuseppe Pasqualone, posso finalmente affermare che la realizzazione del centro risvegli a Ceglie Messapica sarà presto realtà: con delibera n. 826/2021 della giunta regionale, è stato stanziato un importo pari a 9.993.085 euro», ha dichiarato l'esponente cegliese di FdI in Regione. E ha aggiunto: «Un importante progetto che, dopo 10 anni, e dopo tanti sacrifici, vede la sua concretizzazione. Il centro risvegli è per tutti motivo di orgoglio, non solo per la cittadina messapica nella quale sorgerà, ma per il territorio brindisino e per l'intera Puglia, in quanto, sono certo che sarà fiore all'occhiello della sanità pugliese e punto di riferimento essenziale per l'utenza regionale e del Mezzogiorno d'Italia. Per tutti questi motivi, e avendone seguito da vicino il lungo iter, prima da sindaco e poi da consigliere regionale, sento la necessità di rivolgere alcuni doverosi ringraziamenti».

 

Le istituzioni coinvolte

 


Caroli ha ringraziato tutti coloro che hanno collaborato al fine di finanziare il progetto del centro risvegli: le giunte di Nichi Vendola ed Emiliano, i direttori generali dell'Asl di Brindisi che si sono succeduti negli anni quali Rodolfo Rollo, Paola Ciannamea e Giuseppe Pasqualone, il direttore del dipartimento Promozione della Salute, Vito Montanaro, e il direttore generale dell'Asset Puglia, Elio Sannicandro. E, a sorpresa, ha rivolto la sua gratitudine anche al sindaco Angelo Palmisano, ai consiglieri comunali e agli assessori che in passato sono stati al suo fianco in municipio. Poi, ha concluso: «Ciascuno di loro, nel proprio ruolo e nelle proprie competenze, ha dimostrato di voler lavorare concretamente per una sanità adeguata ed innovata. Ci auguriamo pertanto, che il centro risvegli possa prendere vita ed entrare in funzione nel più breve tempo possibile, a servizio della collettività».
Mentre Gioia ha affermato: «Grazie al presidente della Regione, Michele Emiliano, e al dottor Giuseppe Pasqualone per l'impegno profuso. Il nostro impegno è di tutta la maggioranza che governa la regione Puglia e consentirà all'intero territorio di avere un presidio di alta specialità. Ora si chiede un ulteriore impegno per avviare a breve le procedure per la realizzazione dell'opera finanziata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA