Curve mozzafiato e rettilinei: un percorso rally in campagna

Mercoledì 24 Marzo 2021 di Antonio PUTIGNANO

Un nuovo servizio, o meglio percorso, pensato per i turisti e gli utenti, ma anche una idea per rilanciare il turismo della zona. È l'idea di Masseria Camarda, struttura ricettiva nel territorio di Ceglie Messapica, di Cesare Fiorio, uno dei manager italiani più influenti degli ultimi anni della Formula 1, che da diversi anni ormai vive a Ceglie Messapica e che ha ideato un percorso sterrato all'interno della proprietà di Masseria Camarda. Preparato professionalmente dal figlio, Alex Fiorio (già campione del mondo rally) e destinato a chi volesse provare il piacere di guidare e testare le performance della propria vettura, ma anche adatto a bicicletta e moto. Nasce dunque un nuovo servizio pensato per i clienti, ma non si esclude che possa essere aperto anche al pubblico, fanno sapere dalla struttura ricettiva. «Abbiamo qui a Masseria Camarda una novità», annuncia nel video che ha di fatto lanciato la novità, Cesare Fiorio. Un circuito, quello ideato, pensato e preparato dal figlio Alex Fiorio, tra strade sterrate, tanto verde e la bellissima natura della zona a fare da contorno. «Grazie alla mia esperienza - ha spiegato nel video Alex Fiorio - abbiamo realizzato un percorso da rally veramente impegnativo ma sempre in piena sicurezza».

IL TRACCIATO

Il tracciato dunque permetterà ai tanti amanti dell'automobilismo di testare le performance delle vetture, pienamente avvolti dalla natura, ma il tracciato ben si adatta anche a bici, moto e potrà essere utilizzato anche per effettuare test sulle auto, presentazioni, corsi di guida e di rally, avendo la possibilità di avere come maestro un campione del settore, ma anche per test di fuoristrada estremo. Quattro le possibilità di percorso: un primo ring (anello) più corto, lungo 900 metri, uno medio di 1,1 chilometri, un terzo che include i primi due ring e la possibilità di poter scegliere un percorso completo che conta quasi 5 chilometri (i tre anelli più altri chilometri di percorso).


Una idea che, come sottolineato anche da Mariapaola Fiorio, nipote dell'ex manager sportivo, nel video di lancio, potrebbe rilanciare il turismo dopo un difficile periodo. Sicuramente un richiamo importante a livello turistico e per gli amanti del settore che potranno anche confrontarsi con due personalità importanti dell'automobilismo italiano, Alex Fiorio, campione mondiale di rally del gruppo N nel 1987 e tante soddisfazioni con Lancia, Jolly Club, Ford e Ralliart. E Cesare Fiorio, che nel 1963 ebbe l'intuizione di creare il reparto High Fidelity con cui far correre le vetture Lancia, intuizione che lo ha portato alle vittorie nel mondiale rally, competizione in cui Fiorio ha vinto 10 titoli, 7 con la Lancia, 3 con la Fiat e 3 titoli mondali Lancia, oltre ai titoli mondiali vinti come pilota di motonautica (anche 6 campionati europei), segno di una carriera senza limiti sportivi, arricchita anche da un record mondiale imbattuto, sempre come pilota motonautica, col Destriero, e la traversata dell'Atlantico in 58 ore e 34 minuti, entrata poi nel Guinness dei primati. Poi tanta Formula 1, con il bellissimo periodo da direttore sportivo alla Ferrari con 25 podi e 9 vittorie dal 1989 al 1991, il miglior bilancio prima dell'era Todt.

© RIPRODUZIONE RISERVATA