Caporalato, tre assoluzioni dopo sette anni dagli arresti

Caporalato, tre assoluzioni dopo sette anni dagli arresti
2 Minuti di Lettura
Martedì 14 Maggio 2024, 12:56 - Ultimo aggiornamento: 14:09

Erano accusati di caporalato, ma sono stati assolti in primo grado "perchè il fatto non sussiste". E' quanto ha deciso lagiudice del tribunale di Brindisi nei confronti di Giuseppe Bello 55 anni, Anna Errico di 79 anni e Anna Maria Iaia 56 anni (madre e figlia). I tre furono arrestati dai carabinieri nel giugno del 2017 nell'ambito di un'operazione dedita al contrasto del caporalato tra le campagne di Brindisi e Bari. Secondo l'accusa, tra il gennaio del 2015 ed il marzo del 2017, i tre avrebbero svolto un'attività d'intermediazione reclutando manodopera nel Brindisino e organizzando l'attività agricola in condizioni di "sfruttamento, mediante minaccia e intimidazione approfittando del loro stato di bisogno e necessità".

Trentanove erano le persone offese e nove le costituzioni di parti civili. Bello è stato difeso dagli avvocati Giuliano Calabrese e Giuseppe Ostuni, mentre Errico e Iaia sono state assistite dal legale Vita Cavaliere. Il pubblico ministero Gualberto Buccarelli aveva chiesto sei anni per Bello, sette anni e sei mesi per Anna Maria Iaia e quattro anni per Anna Errico. 

L'assoluzione

La giudice ha accolto la tesi delle difese ed ha emesso la sentenza di assoluzione per il reato di 'Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro aggravati' (caporalato) ed ha condannato a nove mesi di reclusione solo la 56enne per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Nulla è stato riconosciuto alle parti civili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA