Arriva il giro d'Italia: da Matera a Brindisi passando da Taranto. Dalla viabilità ai parcheggi, il piano anticaos per la volata

Martedì 6 Ottobre 2020 di Francesco TRINCHERA
Brindisi si prepara ad accogliere il Giro d'Italia e predispone il piano della viabilità in attesa della Corsa Rosa. Ieri mattina, infatti, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a palazzo di città, nella sala Mario Marino Guadalupi, sono stati illustrati i provvedimenti adottati dall'amministrazione comunale per il 9 ottobre, venerdì prossimo, ovvero il giorno della MateraBrindisi, come l'apposita ordinanza del 29 settembre scorso, alla presenza del sindaco Riccardo Rossi, del comandante della polizia locale Antonio Orefice e del dirigente della Società di trasporti pubblici Teodoro Muscogiuri.
I provvedimenti sono stati presi anche in funzione del probabile orario di arrivo, stimato dagli organizzatori tra le 16.10 e le 16.40. Particolare attenzione, come detto, è stata rivolta alle strade del percorso: già dalla sera precedente con inizio a partire dalle 19, infatti, andrà in vigore il divieto di sosta e di transito nella zona del rettilineo finale (viale Aldo Moro, in direzione Sant'Elia e viale Palmiro Togliatti in entrambi i sensi di marcia), ad eccezione dei mezzi dell'organizzazione di Rcs e quelli delle forze dell'ordine.

Stesso discorso anche per la zona di sicurezza dopo l'arrivo, che comprende via Caduti di via Fani sino all'intersezione della rotatoria di ingresso per il Brin Park, così come per via Galanti che però non ricade all'interno del percorso di gara ma sarà sede del villaggio di tappa. Il divieto resta in vigore sino alle 22 del giorno della tappa. Per quel che riguarda la direzione opposta di viale Aldo Moro, quella in direzione centro, nel giorno di gara saranno proibite la sosta (a partire dalle 8) ed il transito, con l'eccezione di quelli autorizzati (dalle 12), sino alle 20 del 9 ottobre o comunque sino a che non siano cessate le esigenze.
Prima di entrare in città invece, i corridori transiteranno dalla statale 7 che sarà chiusa in entrambe le direzioni tra le 12 e le 18. Sempre per quel che riguarderà il percorso, su via Appia, via Tor Pisana, viale Commenda e via Tirolo è previsto il divieto di sosta a partire dalle 8 di giorno 9, ed il transito dalle 12. In entrambi i casi il provvedimento termina alle 18 dello stesso giorno, o comunque fino a cessate esigenze.
Per quel che riguarda via Caduti di via Fani (il parcheggio di fronte al supermercato Eurospin), zona dove arriveranno alcuni dei mezzi al seguito, andrà in vigore il divieto di sosta tra le 8 e le 20 del giorno della MateraBrindisi. Per quel che riguarda le altre zone interessate dall'organizzazione, sulle vie Lanzillotti, Pastrengo, Villafranca, Bezzecca e Peschiera, saranno istituiti i divieti di sosta e di transito tra le 5 e le 21 di giorno 9, con l'eccezione dei mezzi dell'organizzazione.
In viale Porta Pia, invece, sarà allestito il quartiere di tappa (presso l'ex seminario Benedetto XVI): lì saranno vietati sia la sosta che il transito tra le 21 dell'8 ottobre e le 18 del giorno successivo, mentre in via Oberdan le stesse misure varranno tra le 6 e le 22.
Oltre a questo, è stata predisposta una viabilità alternativa: per chi percorrerà la statale 16 in direzione Bari, sarà possibile raggiungere centro e quartiere Cappuccini passando per la strada dei Pittachi, strada per la Minnuta, via del Lavoro e via Provinciale San Vito, mentre per raggiungere l'ospedale Perrino il percorso indicato va su strada Pittachi e strada per Lo Spada, prolungamento di via Cappuccini. Per i residenti di via Nardelli e di via Lanzillotti e per chi è diretto al Tribunale, sarà possibile utilizzare il tragitto tra via Martini, via Fontanesi, via Nardelli e la corsia a senso unico dell'area di parcheggio del Palazzo di Giustizia.
Per non congestionare ulteriormente la viabilità, inoltre, è stato deciso di chiudere le scuole nella giornata del 9 ottobre, mentre i bus che percorrono le vie interessate dalla tappa subiranno variazioni. Il pubblico potrà assistere alla gara, ma nel rettilineo finale (circa un chilometro e mezzo) l'organizzazione (che si occuperà del tratto in questione) ha previsto ingressi contingentati e per rispettare le distanze nel pubblico saranno adottati dei braccialetti che vibrano nel caso in cui gli spettatori fossero troppo vicini.
© RIPRODUZIONE RISERVATA Ultimo aggiornamento: 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA