Brindisi, il grande giorno del Cis. Oggi le schede al ministero

Brindisi, il grande giorno del Cis. Oggi le schede al ministero
3 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Marzo 2022, 09:30

Due concorsi internazionali di idee per progettare i futuri utilizzi di ex collegio navale Tommaseo e isola di Sant'Andrea, trasformandoli in veri attrattori anche grazie a soluzioni architettoniche e di design innovative. Ma intanto, nelle schede che partiranno oggi da Brindisi per Roma, sono contenute le idee dell'amministrazione per valorizzare i due beni. Inseriti, come il progetto di contrasto all'erosione e riqualificazione della costa ed il laboratorio di biologia marina, all'interno del Contratto istituzionale di sviluppo per Brindisi, Lecce e la costa Adriatica. Proprio oggi scadono i termini, fissati dal ministro per il Sud Mara Carfagna, per l'invio delle schede degli interventi da candidare.

Le schede inviate al Ministero


Entrambi i progetti, in modo differente, si legano alla strategia di valorizzazione e rilancio legata al mare, che ha come obiettivo quello di attrarre nuovi flussi di viaggiatori. Da un lato, però, il Tommaseo, nelle intenzioni dell'amministrazione, dovrebbe diventare un polo dell'innovazione, sempre legato al mare, con spazi da dedicare alla formazione di alto livello sui temi della blue economy e della nautica, declinati con uno sguardo al futuro, alle tecnologie ed anche al design. All'interno di quella che dovrebbe essere la Smart Seaty, ci sarà anche un incubatore di imprese, naturalmente sempre legate all'economia del mare. Lo scopo è quello di attrarre talenti ed eccellenze, generando valore in termini di progetti e formazione. Ma il nuovo polo dell'innovazione dovrebbe essere in grado anche di ospitare un notevole numero di persone all'interno della sua foresteria. Dotata di servizi all'avanguardia, anche in questo caso con un occhio di riguardo ad un design innovativo ma funzionale, ma anche di ristorante e bistrot.


Più strettamente collegata alla ricettività tradizionale sarà invece il progetto che riguarda l'isola di Sant'Andrea. Per il quale, specifica l'amministrazione, non saranno aggiunte ulteriori cubature a quelle esistenti. Saranno recuperate, dunque, tutte le strutture militari esistenti - dagli alloggi alla ex batteria Pisacane - per realizzare spazi destinati alle nuove categorie di viaggiatori, come i nomadi digitali. Oltre alla ricettività, anche in questo caso attenta ad un design innovativo, l'idea è quella di offrire servizi particolari, a supporto di quelli culturali già offerti dal castello Alfonsino. Oltre alla immancabile ristorazione, anche spazi dedicati al benessere all'aria aperta, ad esempio con lo yoga, e servizi per la fruizione del mare come kayak o Sap, tutto collegato con gli altri punti interessati dalla valorizzazione turistica del litorale.


Sia per Tommaseo che per l'isola di Sant'Andrea, come detto, il Comune vuole puntare su due concorsi di idee internazionali. «Vogliamo attrarre - spiega l'assessore al Turismo ed al Marketing territoriale Emma Taveri - progettisti da tutto il mondo, per provare ad ottenere delle opere in grado di attrarre anche in termini di design e non solo di funzionalità».
A questi quattro progetti inediti - Costa Nord, laboratorio di biologia marina, polo dell'innovazione e isola di Sant'Andrea - se ne affiancheranno altri già candidati al Pnrr, in modo da avere maggiori possibilità di finanziamento. Tra questi, l'area per campeggio e glamping sulla costa nord, molo catene ed ex caserma Carafa.
F.R.P.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA