Brindisi, nuove barelle in ospedale: ma la fornitura è sbagliata

Le barelle
Le barelle
di Danilo SANTORO
4 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Settembre 2022, 19:04 - Ultimo aggiornamento: 9 Settembre, 13:31

L’acquisto non sarebbe stato sbagliato, di certo, però, la fornitura di barelle arrivate ieri al “Perrino” di Brindisi non è idonea alle esigenze richieste dal personale e dai mezzi del 118. L’errore - secondo quanto precisato in una nota dall’Asl di Brindisi, dopo la denuncia del caso della mattinata da parte del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Luigi Caroli – è della ditta fornitrice. Fatalità e malinteso che giungono in un periodo non certo facile per l’ospedale “Perrino” e per il servizio del 118 alle prese con le non poche difficoltà dovute alla carenza del personale. 

La Asl: «Ha sbagliato la ditta fornitrice»

L’episodio di ieri non sarebbe però addebitabile a valutazioni errate da parte dell’Asl. «Non si può ricondurre a un acquisto sbagliato da parte dell’azienda sanitaria, ma di un caso di “aliud pro alio”: la ditta fornitrice ha consegnato un articolo diverso da quello scelto dalla struttura responsabile degli acquisti e indicato nell’ordine».

È quanto spiegano i vertici dell’azienda sanitaria brindisina dopo la consegna a totale difformità materiale del bene, e la sua conseguente inidoneità a svolgere la funzione. «Come accade in questi casi, in ogni ambito del pubblico e del privato, è partita la contestazione per la merce non richiesta che è stata rimandata indietro in attesa dell’arrivo delle barelle indicate dalla Asl. La situazione, semmai, dimostra – si legge nella nota - l’attenzione che il personale incaricato presta in questi casi, evitando di acquisire dispositivi non conformi o inadatti all’utilizzo. La catena degli eventi che hanno portato al reso della merce è stata seguita sulla base di una relazione richiesta dalla direzione strategica, necessaria a ricostruire passo per passo l’intera vicenda».

Ancora non chiara la tempistica per la nuova consegna

Resta da capire ora la tempistica per nuova consegna, anche in riferimento ad una necessità sempre più impellente da parte dei mezzi del 118 di avere a disposizione le attrezzature necessarie per l’assistenza medica a chi richieste l’intervento delle autoambulanze.
Anche per quelle che sono le urgenze, ieri Caroli aveva manifestato e denunciato il disservizio. «Quello che è accaduto questa mattina (ieri ndr) in uno degli ospedali più grandi della Puglia è davvero paradossale, la provincia di Brindisi è la Cenerentola della Regione Puglia per quanto attiene la Sanità e viene sbagliata la fornitura delle nuove barelle da sostituire sulle autoambulanze del Pronto Soccorso dell’ospedale, perché – da quello che è dato sapere – sarebbe un errato acquisto in quanto poco funzionali e, quindi, gli operatori del 118 non potevano sbarellare. Per questo sono state rimballate e riconsegnate al produttore». Questa la versione di Caroli. «Non sono in cerca di colpevoli – ha aggiunto il rappresentante in regione di Fratelli d’Italia, - ma di risposte da parte della direzione generale della Asl all’ennesimo disservizio». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA